“La pizza al popolo”, a Napoli bagno di folla anti-Briatore

Giu 21, 2022

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – NAPOLI, 21 GIU – Bagno di folla, alla storica
    pizzeria Sorbillo ai Tribunali, per la risposta dei pizzaioli
    napoletani a quella che definiscono la “provocazione” di Flavio
    Briatore: “dice che se la pizza costa poco non è buona? Ecco,
    noi la facciamo così e gli ingredienti sono questi: assaggiatela
    e ditemi com’è”, lancia la sfida Gino Sorbillo, attorniato da
    giornalisti, fotografi e le solite centinaia di persone che ogni
    giorno fanno la fila davanti al suo locale nel centro storico di
    Napoli.
        Per i quali, oggi, c’è una sorpresa: pizza gratis e prezzi
    ulteriormente scontati per chi, dopo la kermesse, troverà un
    tavolo all’interno.
        “E’ una polemica stupida”, taglia corto Sorbillo. “La pizza
    nasce come piatto popolare e deve restarlo. A noi piace lavorare
    con il popolo e accontentare tutti, bambini, disoccupati,
    professionisti e pensionati. Davanti a una pizza sono tutti
    uguali e tutti devono potersela permettere”.
        Spalla del pizzaiolo, e in realtà artefice dell’iniziativa, è
    il consigliere regionale e presidente della commissione
    Agricoltura della Campania, Francesco Emilio Borrelli. “La pizza
    nasce come piatto ‘povero’, alla portata di tutti, ma sano e
    genuino – dice – e vogliamo che resti tale. Briatore con i suoi
    modi ha offeso chi questo prodotto l’ha reso grande ed esportato
    in tutto il mondo e i miliardi di utenti che ogni anno si
    sfamano a prezzi popolari”. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • La Corte Suprema targata Trump cambia l’America

    La Corte Suprema targata Trump cambia l’America

     La Corte Suprema targata Donald Trump riscrive la storia dell'America e manda in pensione il diritto all'aborto, regalando ai conservatori una vittoria che agognavano da anni. Lo fa fra le proteste, le critiche e il crescente scetticismo degli americani: solo...

    Nel mirino dei ‘saggi’ anche voto, clima e nozze gay

    Nel mirino dei ‘saggi’ anche voto, clima e nozze gay

    Non solo l'aborto e le armi. Con una Corte suprema dominata da una maggioranza di sei giudici conservatori - di cui tre nominati da Donald Trump - sono a rischio altri diritti e valori fondamentali, dal clima alla religione e al voto. Il nuovo banco di prova...