Lasciami andare, Accorsi padre tormentato dal passato

 Dopo aver chiuso la 77/ma Mostra di Venezia arriva in sala dall’8 ottobre con Warner Bros ‘Lasciami andare’ di Stefano Mordini ispirato al bestseller internazionale ‘You came back’ di Christopher Coake. Il film, tutto ambientato tra le calli di Venezia, ha come protagonista una coppia, Marco (Stefano Accorsi) e Anita (Serena Rossi), che scopre di aspettare un bambino. Per il razionale Marco e’ felicita’ pura, un modo per dimenticare il dolore della scomparsa di Leo, il suo primogenito avuto con la prima moglie Clara (Maya Sansa). Ma la sua pace durera’ ben poco. Nella vita di Marco e della sua ex moglie, irrompe Perla (Valeria Golino), nuova proprietaria della casa dove la coppia abitava e dove e’ accaduto il tragico incidente. Questa misteriosa ed ambigua donna sostiene infatti di sentire una strana presenza e la voce di un bambino che non ha pace e tormenta sia lei che suo figlio. Una situazione, questa, che fara’ riemergere il passato doloroso, ma anche la speranza che quel figlio scomparso abbia da dirgli ancora qualcosa. “In realta’ il film – spiega il regista – lavora piu’ che sul mistero e sull’invisibile, sui mille espedienti che uno si crea per superare il dolore, per continuare a sperare. In fondo ritengo Lasciami andare soprattutto una storia d’amore”.
    Dice invece Accorsi, che nel film veste i panni di un ingegnere: “Ho un cugino che fa questo lavoro e conosco abbastanza questo modo di pensare che ti fa aggrappare alla razionalita’ per uscire dall’incubo. In quei momenti particolari nessuno puo’ giudicare nessuno. Non credo alle credenze e ai fantasmi, ma devo dire che ho avuto una strana esperienza tempo fa, quando mi sono trovato, insieme ad un mio amico, in una stanza e abbiamo sentito entrambi una sensazione fortissima di una presenza”. La Golino e’ invece contenta di aver interpretato un personaggio misterioso: “La mia Perla e’ piena di’ ambiguita’ , e’ una donna a volte sgradevole, un ruolo abbastanza nuovo per me”. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte