• Letta sfida il centrodestra: ‘Nessun destino è scritto’

    Condividi l'articolo

    Tante bandiere del Pd e arcobaleno alla manifestazione di chiusura del Pd, Italia democratica e progressista. La piazza è piena per circa la metà, qualche migliaio i militanti. Applauso per il ricordo di David Sassoli da parte di Pina Picierno e Nicola Zingaretti. Due minuti a testa per gli esponenti Dem chiamati a intervenire sul palco.

    A partire dalle 18, a Piazza del Popolo, si concluderà la campagna elettorale del Pd-Italia democratica e progressista. Sul palco, prima dell’intervento conclusivo del segretario dem, Enrico Letta, interverranno amministratori locali, capigruppo, ministri e candidati dem, che si alterneranno a rappresentanti della società civile e a videomessaggi di leader europei. “Racconteremo l’Italia più giusta – ha sottolineato il segretario Enrico Letta, durante il suo videomessaggio di questa mattina rivolto ai candidati – ci concentreremo sulle nostre idee e sulle nostre tante proposte. Diremo con chiarezza agli italiani che la nostra è la piazza dell’Italia della speranza, che guarda al futuro, ben diversa da quella delle destre, dell’Italia della paura, che ieri in modo minaccioso si è proposta per i prossimi 5 anni”. A partire dalle 17,30, prima degli interventi, la musica della Spaghetti Band comincerà a scaldare il pubblico presente insieme a un’orchestra, che alle 18 eseguirà l’inno nazionale. Fra gli interventi sul palco anche quelli del sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, del presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, e della vicepresidente del Parlamento europeo, Pina Picierno. A seguire i presidenti di Regione Michele Emiliano, Vincenzo De Luca, Eugenio Giani e Stefano Bonaccini. Verranno inoltre proiettati i saluti di alcuni leader europei fra i quali il Primo ministro spagnolo Pedro Sanchez e l’eurodeputata ungherese Clara Dobrev, che racconterà le storture del modello Orban. Prima delle conclusioni del segretario Enrico Letta sono infine previsti gli interventi dei candidati Roberto Speranza ed Elly Schlein, oltre alla scrittrice Viola Ardone


    Fonte originale: Leggi ora la fonte