• “Libero e giusto”. Il Cav rilancia il suo Paese ideale

    Condividi l'articolo

    Manca sempre meno alle elezioni del prossimo 25 settembre e per i partiti si prepara la resa dei conti, il momento in cui si dovranno raccogliere i frutti della campagna elettorale. È stata una campagna molto breve, diversa da ogni altra condotta in questo Paese da quando è in vigore la Repubblica, la prima svolta nel periodo estivo. È stata anche una campagna violenta da parte del Partito democratico, che ha esasperato i toni e aizzato la base contro gli avversari politici, con un atteggiamento etico e morale condannabile. Da Letta e dai suoi amici non ci sono state concrete proposte se non timidi tentativi di programma, a differenza di quanto fatto dal centrodestra, che ha presentato un programma organizzato e completo presentato agli elettori allo scopo di cambiare l’Italia con le idee, per costruire qualcosa di nuovo e di bello per il Paese.

    Con questo spirito, Silvio Berlusconi ha illustrato le idee per costruire qualcosa di nuovo nel Paese attraverso l’ultima pillola pubblicata sui suoi social. Quale Paese vuole costruire il Cav una volta al governo? La risposta non è semplice come si potrebbe immaginare. “Noi vogliamo costruire un Paese dove non ci siano cittadini di serie B. Un Paese dove nessuno abbia da temere se va al Governo il suo avversario politico“, ha detto l’ex premier, lanciando anche una stoccata alla sinistra che, da quando è cominciata questa campagna elettorale, agita spauracchi per intimorire gli elettori.

    0

    E poi, ha continuato l’ex premier, il suo obiettivo è quello di costruire un Paese “dove lo Stato e le sue istituzioni siano sentite come la casa di tutti e non invece come qualche cosa che è nemico, che è lì come un nemico in agguato“. Il Paese che vorrebbe Forza Italia è quello in cui “ciascuno possa realizzarsi, possa dare il meglio di sé per realizzarsi; Un Paese dove lo Stato attraverso lo strumento fiscale non espropri i cittadini dei risparmi e dei beni che con il loro lavoro e i loro sacrifici sono riusciti a conquistarsi“. Ma è anche quello “dove non ci siano giudici che usino i loro poteri per colpire ed eliminare gli avversari politici“.

    Tutto questo è l’Italia che vorrebbe Silvio Berlusconi, un Paese “dove tutti possano godere pienamente di una vera e completa libertà“. Queste sono le basi di ogni campagna elettorale e governo di Silvio Berlusconi e di Forza Italia dal 1994 a oggi ed è ciò per cui “siamo scesi in campo, la missione per cui abbiamo lottato in questi 28 anni scongiurando il pericolo di una definitiva presa del potere da parte di una sinistra che non ha mai rinnegato la sua ideologia e la sua storia“.

    È solo votando il 25 settembre che tutto questo potrà realizzarsi ma, come ha concluso Silvio Berlusconi, “è per tutti voi un imperativo categorico anche quello di dare a noi il vostro voto, di darlo all’unico partito davvero in grado di garantirvi una vera e completa libertà“.


    Fonte originale: Leggi ora la fonte