Libia: comandante peschereccio, abbiamo cambiato 4 carceri

Dic 18, 2020

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – PALERMO, 18 DIC – “In questi 108 giorni abbiamo
    cambiato quattro carceri in condizioni sempre più difficili.
        L’ultimo dove siamo stati era al buio, ci portavano il cibo con
    i contenitori di metallo. È stato davvero molto complicato:
    accendevano e spegnevano le luci, a loro piacimento”. Così
    Pietro Marrone, capitano della “Medinea”, nel primo contatto via
    radio dopo la partenza dal porto di Bengasi col suo armatore
    Marco Marrone, racconta i 108 giorni trascorsi in Libia.
        “Abbiamo subito delle umiliazioni, pressioni piscologiche –
    aggiunge – ma mai violenze. Quando ci hanno detto che era il ‘giorno buono’ non ci abbiamo creduto”. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Rimini. Cicloamatore stroncato da infarto

    Rimini. Cicloamatore stroncato da infarto

    Si stava allenando in bici, quando intorno alle 10 di sabato un malore fatale ha colpito un cicloamatore, un 65enne pensionato di Rimini. L'uomo si è accasciato per terra a Villa Verucchio, lungo la ciclabile parallela alla via Casetti.