• L’Isis rivendica l’attacco alla chiesa in Congo

    Condividi l'articolo

    (ANSA) – ROMA, 16 GEN – L’esercito della Repubblica
    Democratica del Congo (Rdc) ha dichiarato che un ordigno è
    esploso in una chiesa nella provincia del Nord Kivu e ha
    provocato almeno 10 morti e 39 feriti. Il portavoce militare
    Antony Mualushayi ha affermato che “l’atto terroristico” è
    avvenuto in una chiesa pentecostale nella città di Kasindi, nel
    Nord Kivu, che si trova al confine con il vicino Uganda. A
    seguito dell’esplosione, ha aggiunto, un cittadino keniota è
    stato arrestato ma non è chiaro se sia lui l’autore. Alcune ore
    dopo è arrivata la rivendicazione da parte del ramo dell’Isis in
    Africa centrale, l’Iscap. I jihadisti hanno riferito di aver
    piazzato e fatto esplodere un ordigno, provocando “decine” di
    morti e feriti tra i “cristiani”, ed hanno minacciato ulteriori
    attacchi. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte