L’ossessione di Letta: così il Pd vuol propinarci la patrimoniale

Lug 31, 2022

Condividi l'articolo

Si avvicinano le elezioni ed Enrico Letta riparte con i suoi propositi di applicare una patrimoniale agli italiani. La notizia arriva direttamente dal Tg2, durante un’intervista concessa dal segretario del Pd che, in merito alla cosiddetta “dote” per i futuri diciottenni, torna a parlare di tasse.

Letta vuole la “dote” per i giovani

Per la precisione, Letta parla di tassa di successione per i patrimoni plurimilionari”, perché “è giusto che uno che ha un patrimonio così lasci qualcosa alla società: se viene ridato ai giovani attanagliati dalla precarietà questo è il senso di generazioni che si aiutano”. Nessuna pace fiscale per il Partito democratico, e gli italiani finiscono ancora una volta nel mirino.

Proprio quanto sembrava di essersi lasciati alle spalle le insidie della riforma del catasto, ecco che Letta ci riprova. Una patrimoniale per costituire una sorta di “dote” per i giovani, che invece di essere aiutati a trovare lavoro e a realizzarsi, potranno avere il reddito di cittadinanza di pentastellata memoria.

Le reazioni

Dura la replica di Giorgio Mulè sottosegretario alla Difesa e deputato di Forza Italia, che parla di “anima inossidabile della sinistra“, che mira a tassare gli italiani. “Dopo essere stato fermato da Forza Italia durante il governo Draghi sull’ipotesi di introdurre una patrimoniale sulla successione, oggi rilancia la sua proposta: inseguire con le tasse gli italiani anche dopo la morte“, attacca il rappresentante azzurro. “Perché per il Pd è lo Stato che decide che cosa deve fare un cittadino dei suoi soldi guadagnati con sacrifici e pagando le tasse, mentre Forza Italia abolì la tassa di successione durante i governi presieduti da Silvio Berlusconi“.

Mulè definisce la proposta di Letta come demagogica e strampalata. “Prevede che muoiano contemporaneamente oltre 400mila italiani (l’1% dei contribuenti) consentendo al Pd di confiscare parte dei loro patrimoni, commenta. “Una follia che va di pari passo con l’altra proposta dei suoi alleati di Sinistra italiana che vorrebbero introdurre una patrimoniale sui patrimoni netti per persona fisica superiori ai 500mila euro (bastano una casa e pochi risparmi)“, conclude.

Dello stesso parere anche Alberto Gusmeroli, parlamentare della Lega, vicepresidente della commissione Finanze della Camera e responsabile Unità fisco del dipartimento Economia del partito. “Il Pd si conferma il partito delle tasse“, dichiara. “Mentre la Lega propone flat tax e Quota 41, Enrico Letta ha già la patrimoniale pronta“.

Anche Matteo Salvini, il leader del Carroccio, lancia l’allarme. “25 settembre. Chi sceglie il PD sceglie più tasse, chi sceglie la Lega sceglie la Flat Tax al 15% e la Pace Fiscale. Chi non sceglie, poi non si lamenti“, scrive sulla propria pagina Twitter.


Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • La lezione della Meloni a Letta sui migranti 

    La lezione della Meloni a Letta sui migranti 

    I migranti che attraversano il Mediterraneo come gli italiani morti a Marcinelle. Entrambi "soldati di una guerra per la sopravvivenza". L'accostamento effettuato da Enrico Letta era apparso sin da subito azzardato, oltremodo retorico, fuori contesto. Nell'annunciare...