• Luisa Ranieri, porto ‘battaglia’ per cibo sano in cartoon

    Condividi l'articolo

    Diffondere “una maggiore consapevolezza che noi siamo quello che mangiamo. Il cibo porta una reazione chimica nel corpo, ed è importante stare attenti quando scegliamo gli alimenti”. E’ il messaggio sempre più centrale in società dove da anni è preoccupante il numero di bambini obesi o in sovrappeso, “che vogliamo trasmettere con un linguaggio, semplice a misura dei più piccoli”. Così LUISA RANIERI all’ANSA spiega il motore del nuovo cartone animato ‘FOOD WIZARDS’, prodotto da Rai Ragazzi, Zocotoco srl (la società di produzione dell’attrice e del marito Luca Zingaretti) e la napoletana Mad Entertainment. Un racconto in 26 episodi da 11 minuti ciascuno, che debutterà su Rai Yoyo lunedì 14 novembre, in onda tutti i giorni con due episodi al giorno alle 14.30 e alle 19.10. Il progetto nato dalla dottoressa Sara Farnetti, esperta di medicina funzionale, con Luisa Ranieri (coproduttrice e coautrice del soggetto) e lo sceneggiatore di fumetti Roberto Gagnor, propone una storia divertente quanto istruttiva, con richiami nello stile visivo anche alle sfide da videogiochi. Ne sono protagonisti un nonno, Essen, uno degli ultimi ‘food wizard’, ‘maghi’ difensori della sana alimentazione, la nipote Ginny e i suoi due amichetti Ham e Pc: i tre bambini, guidati da Essen viaggiano nel corpo umano a bordo di uno speciale mezzo e affrontano ‘armati’ dei ‘cibi buoni’ i cattivi Toxins che invadono l’organismo quando si mangiano troppi alimenti poco salutari. “Quando scegliamo di nutrirci di cibi non ideali solo perché gustosi, dobbiamo sapere che il giorno dopo, o la sera stessa, è importante compensare – aggiunge l’attrice -. Noi non demonizziamo nessun tipo di alimento. Si evidenzia però che siamo come una macchina e per funzionare bene, è necessario tenere le tossine al livello più basso possibile”. L’idea del cartoon, “è nata nel 2014, parlando del tema con Sara Farnetti. Lei mi ha spiegato come fosse necessario lavorare per aiutare le nuove generazioni a contenere le malattie metaboliche e il diabete, che mettevano sempre più a rischio anche i bambini. Basta guardare anche i numeri dell’obesità infantile – spiega Luisa Ranieri -. Patologie dovute anche all’eccesso di cibo, di zuccheri, di alimenti non salutari. Sara poi, rispetto al giusto linguaggio con i più piccoli, mi ha fatto l’esempio di Braccio di Ferro e gli spinaci: contenevano pochissimo ferro rispetto ad altri alimenti, però i genitori, visto il cartoon, li facevano mangiare ai figli convinti che così li avrebbero resi più forti. Lei pensava sarebbe servito qualcosa di simile anche oggi, e così ho proposto di fare noi un cartone animato”. Un’avventura produttiva “durata molti anni” che ha preso forma “grazie alla Rai, a Luca Milano, direttore di Rai Kids, e alla Mad per un cartone interamente realizzato a Napoli”. Anche con i suoi due bambini, Luisa Ranieri, “come tutte le mamme” combatte “nella quotidianità per cercare di contenere l’eccesso di zuccheri, di grassi idrogenati, di schifezze varie che ci sono in giro, provando anche a proporre più il salato rispetto al dolce – spiega -. Ma è una battaglia continua, perché soprattutto negli ultimi 20 anni, c’è un’esplosione di condizionamento da parte della pubblicità su certi cibi e lo zucchero è anche dove non te lo aspetteresti”. ‘Food wizards’ è il primo cartone prodotto dalla Zocotoco: “La nostra linea editoriale è dare forma a storie che ci piacerebbe vedere rappresentate, lo abbiamo fatto, fra gli altri, con film come Perez e Vita segreta di Maria Capasso, e serie come Le indagini di Lolita Lobosco per Rai1 o Il re per Sky. Abbiamo tanti altri progetti in cantiere”. Intanto la seconda stagione di Le indagini di Lolita Lobosco arriverà a gennaio su Rai1: “E’ stato come tornare da una mia amichetta – sottolinea sorridendo -. Forse quest’anno mi sono goduta il ruolo anche di più. Avevo meno timori, il gruppo è affiatato, c’è un grande affetto, è stato un bel ritrovarsi. Poi da napoletana io a Bari sto benissimo, tant’è che mi manca, ha qualcosa anche di Napoli, quel tipo di bellezza e sensualità”.


    Fonte originale: Leggi ora la fonte