“M5s è in caduta libera, Iv presente ovunque”

Ott 7, 2021

  • Condividi l'articolo

    I vertici di Italia viva sono al settimo cielo e non nascondono la soddisfazione per i risultati ottenuti dal partito alle ultime elezioni amministrative. Dopo il leader Matteo Renzi, anche l’ex ministro Maria Elena Boschi ha commentato in maniera entusiastica il voto dei giorni scorsi. “Hanno vinto tutti i sindaci che sostenevamo nelle grandi città – ha dichiarato al quotidiano La Nazione e abbiamo eletto primi cittadini e consiglieri di Italia viva su tutto il territorio nazionale”. I dirigenti del partito, nell’analizzare le preferenze e le percentuali, evidenziano il fatto che Iv sia nato solo due anni fa e che, nonostante ciò, abbia superato il Movimento 5 Stelle in diversi comuni. “I pentastellati – ha continuato la Boschi – sono in crisi verticale, neppure Conte, ormai nei fatti leader da tempo, è riuscito a rianimarli”.

    Il capogruppo di Italia viva alla Camera dei deputati si è espressa anche in merito ai ballottaggi, affermando che a Roma voterebbe molto volentieri per Roberto Gualtieri, il quale si è già assicurato il sostegno dell’altro candidato a sindaco Carlo Calenda, appoggiato proprio dal partito di Renzi, i cui esponenti in lista hanno ottenuto un ottimo risultato. “Anche a Napoli – ha detto Maria Elena Boschi – siamo andati molto bene così come a Bologna, dove la nostra lista ha preso il doppio del M5S”. L’affollamento di compagini al centro non sembra preoccupare l’ex ministro che ritiene ci sia lo spazio sufficiente grazie alla maggioranza dell’elettorato italiano, in gran parte moderato. Anzi, in vista delle elezioni politiche si potrebbe lavorare per saldare nuove intese.

    Su quando si voterà, il capogruppo alla Camera di Italia viva non ha certezze, ma, come tanti altri suoi colleghi, pensa che il 2023 sia l’anno giusto, ma bisogna arrivarci con una legge elettorale nuova. “Per me l’ideale – ha rivelato Boschi – sarebbe quella dei sindaci: chi vince governa, chi perde va all’opposizione. L’obiettivo deve essere quello di arrivarci con una coalizione coesa e determinata”. Magari anche con il Pd.“Non abbiamo preconcetti – ha concluso l’ex ministro – Enrico Letta sa leggere i numeri: a Siena ha vinto anche grazie ai nostri voti, quindi toccherà a loro se considerare il Movimento 5 Stelle strutturale nella loro alleanza o aprire anche ad altre forze politiche”.


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Incidenti lavoro: 2 operai feriti in centrale termica, uno grave

    Incidenti lavoro: 2 operai feriti in centrale termica, uno grave

    (ANSA) - MILANO, 16 OTT - Due operai sono rimasti feriti, uno in modo grave, in mattinata a Turbigo (Milano) all'interno di una centrale termica. Secondo la ricostruzione del 118, i due operai sarebbero precipitati da un'altezza di circa quattro metri, Un 49enne ha...