Malore in casa per Umberto Bossi: ricoverato in ospedale, non è in pericolo di vita

Condividi l'articolo

Umberto Bossi si trova in queste ore ricoverato all’ospedale di Circolo di Varese. Avrebbe avuto un malore nella sua casa di Gemonio ma non sarebbe in pericolo di vita. A riportarlo è il Corriere della sera, che spiega anche come il ricovero sia una precauzione dovuta alle sue precarie condizioni di salute.

Quando Umberto Bossi ha avuto il malore, è stata immediatamente chiamata un’ambulanza e il Senatùr, su consiglio dei medici, è stato trasferito in ospedale per controlli più approfonditi. Lo scorso 25 settembre è stato eletto alla Camera dei deputati, anche se in un primo momento sembrava che il suo nome fosse tra quelli esclusi per “l’effetto flipper”. Da anni le condizioni di salute di Umberto Bossi non sono ottimali e anche per questo, negli ultimi due mesi, l’esponente della Lega non è riuscito a partecipare ai lavori del parlamento. Tuttavia, nonostante la malattia, Umberto Bossi è ancora uno dei punti di riferimento per la Lega.

Il prossimo 27 novembre, il Senatùr ha organizzato la sua prima uscita pubblica con il Comitato Nord, da lui stesso voluto e lanciato nell’ottobre scorso. Ha scelto la provincia pavese, e in particolare il castello di Giovenzano, come annunciato dal sito online “La Nuova Padania”. Sarà ora necessario capire se, nel corso della prossima settimana, le condizioni di Umberto Bossi saranno tali da consentirgli di prendere parte all’incontro o se questo dovrà essere posticipato a una data diversa.

Nel 2004, il fondatore della Lega è stato colpito da ictus che ha lasciato alcuni strascichi e ha inficiato l’attività politica di Bossi. Ma non solo, purtroppo pochi anni fa il Senatùr è stato vittima di una caduta che l’ha costretto a un periodo di cure e di riabilitazione. Nonostante le difficoltà, Umberto Bossi all’inizio dell’anno si è regolarmente presentato in Parlamento per votare per l’elezione del presidente della Repubblica, ossia il doppio mandato di Sergio Mattarella.


Fonte originale: Leggi ora la fonte