• Maltempo: cumuli di rifiuti dopo mareggiata a Fiumicino

    Condividi l'articolo

    (ANSA) – ROMA, 24 NOV – Tronchi, plastica, polistirolo,
    bottiglie di vetro, canne, detriti. Accanto ai pesanti disagi
    per allagamenti e danni a strutture balneari, è questa, ancora
    una volta come in analoghe situazioni, l’ “eredità” della
    violenta mareggiata sulle scogliere a difesa della zona del
    vecchio faro a Fiumicino, alla foce del Tevere. Cumuli di
    rifiuti trascinati dalle onde sugli scogli ma anche sulla stessa
    strada di accesso al comprensorio, assieme a fanghiglia. Una
    parte di detriti è stata già rimossa sul piazzale più vicino al
    Porticciolo ma rimangono ancora sedimenti sul ciglio della parte
    finale di via del Faro. Anche sulle spiagge presenti detriti e
    rifiuti. Una “tegola” che puntualmente ogni anno si ripresenta e
    che costringe le amministrazioni costiere a subirne ancora una
    volta le conseguenze ed a fare i conti per pianificare le
    bonifiche. Negli ultimi mesi è stata quindi ormai completamente
    vanificata la rilevante opera di bonifica dei detriti sulle
    scogliere da parte del comune di Fiumicino e della Regione
    Lazio, compiuta poco meno di due anni fa. Intanto, il capogruppo
    della lista Crescere Insieme a Fiumicino, Roberto Severini, ha
    lanciato un appello per i cittadini evacuati al Passo della
    Sentinella che hanno avuto “danni, anche gravi, ai mobili
    contenuti nelle case che si sono allagate: ora, molti residenti
    si ritrovano con cucine, tavoli, sedie e quant’altro
    completamente rovinato dall’acqua e non sanno come disfarsene.
        Tenendo conto dello stato d’emergenza indetto dal Sindaco,
    chiediamo di organizzare una raccolta speciale di rifiuti
    ingombranti per venire incontro a tutti i cittadini costretti ad
    affrontare questa spiacevole situazione. Altra soluzione
    possibile sarebbe quella di posizionare a Parco Scagliosi degli
    scarrabili, per dare modo ai residenti di liberarsi di queste
    macerie”. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte