• Maltempo: sindaco chiede psicologi per sostegno anche a scuola

    Condividi l'articolo

    (ANSA) – SAN LORENZO IN CAMPO, 19 SET – Le ricerche del
    piccolo Mattia, 8 anni, di San Lorenzo in Campo (Pesaro Urbino)
    e Brunella Chiù, 56 anni, di Barbara (Ancona), proseguono senza
    sosta sul fiume Nevola anche con l’ausilio di unità cinofile dei
    vigili del fuoco e dell’unità navale dei pompieri con sub e
    unità attrezzate Saf. Si concentrano, anche con l’ausilio di
    personale da varie regioni italiane, vicino ai ponti, tra
    Castelleone di Suasa e Barbara/Ostra Vetere: sul posto ci sono
    in questi giorni anche alcuni famigliari dei dispersi tra cui il
    padre di Mattia, Tiziano Luconi. Un momento “molto delicato” per
    la comunità del paesino del Pesarese, ribadisce il sindaco
    Davide Dellonti che ha chiesto anche l’intervento di un pool di
    giovani psicologici esperti di situazioni complesse in ambiente
    scolastico per supportare in particolare gli insegnanti e, in
    prospettiva, anche i compagni di scuola di Mattia per ora tenuti ‘al riparo’ da notizie e circostanze che possano urtare la
    sensibilità e destabilizzarli.
        “In questa situazione d’incertezza – dice all’ANSA Dellonti –
    è bene agire con cautela. Ho chiesto all’Ambito sociale di Fano,
    struttura sovracomunale che gestisce i servizi nella zona, di
    fornirci la cosiddetta ‘Unità di strada’, un pool di giovani
    psicologici che svolgono attività di supporto in questi momenti.
        Serve agli insegnanti e poi servirà all’interno delle classi
    soprattutto in quella frequentata da Mattia; sono specialisti –
    spiega – abituati a gestire situazioni complesse all’interno
    degli ambienti scolastici. Un sostegno soprattutto relativo a
    quella che potrebbe essere la fase della ‘comunicazione’ ai
    piccoli”.
        Nella zona del Pesarese, anche questa molto colpita dal
    maltempo, sta compiendo sopralluoghi in queste ore il capo
    dipartimento della Protezione Civile Fabrizio Curcio che si
    trova a Sant’Abbondio, andrà a Pergola, per poi visitare le zone
    dell’hinterland senigalliese devastate dalle esondazioni.
        (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte