• Maltempo: soccorsi ‘accelerano’ a Castelleone per Mattia

    Condividi l'articolo

    (ANSA) – CASTELLEONE DI SUASA, 19 SET – I soccorritori che
    cercano Mattia Luconi, 8 anni, sul letto del fiume e vicino agli
    argini del Nevola, stanno aumentando la presenza di escavatori
    per accelerare la rimozione degli enormi mucchi di vegetazione
    varia, tra cui anche interi alberi e tronchi, che sono stati
    trasportati nella zona tra il ponte adiacente alla Corinaldese e
    l’azienda agricola Patti Vanocci, in territorio di Castelleone
    di Suasa (Ancona), nei cui terreni era stata trovata l’auto
    Mercedes Classe A su cui viaggiavano Silvia e il figlio Mattia,
    travolti dalla furia del fiume nella serata del 15 settembre: la
    donna, farmacista a Barbara, era stata recuperata viva proprio
    in quella zona ed è ora ricoverata a Senigallia; mentre il
    figlioletto è disperso. L’ipotesi è, visto che nella zona si è
    accumulata una gran mole di materiale, anche sugli argini e nei
    campi adiacenti, che la corrente impazzita del fiume possa aver
    trasportato lì oltre all’auto e a Silvia anche il piccolo
    Mattia.
        Sul posto ci sono i vigili del fuoco che utilizzano, dal
    tardo pomeriggio, unità cinofile le quali setacciano l’area: per
    la ricerca, ai cani sarebbe stato fatto fiutare come campione lo
    zainetto di Mattia che era stato ritrovato invece 8 chilometri
    più a valle rispetto a dove l’auto è stata travolta e la cui
    posizione non era indicativa circa l’eventuale localizzazione di
    Mattia che non lo indossava quando è stato travolto dall’acqua.
        Lo zainetto non era distante dalla zona in cui è, nei giorni
    scorsi, era stato rinvenuto il corpo della 17enne Noemi
    Bartolucci. Le ricerche sono in corso anche per la mamma di
    Noemi, Brunella Chiù, 56 anni, di Barbara, trascinata dal Nevola
    mentre lasciava casa in auto con Noemi e l’altro figlio Simone
    che si è salvato aggrappandosi a una pianta. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte