Mattarella agli atleti di Tokyo: ‘L’Italia si è sentita rappresentata da voi’

Set 23, 2021

  • Condividi l'articolo

    Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella riceve al Quirinale la delegazione Coni e i vincitori di medaglia agli ultimi Giochi olimpici e paralimpici di Tokyo. La cerimonia, a partire dalle 18.

    Già pochi giorni fa, in occasione dell’inaugurazione dell’anno scolastico a Pizzo Calabro, Mattarella aveva incontrato alcuni campioni olimpici e paralimpici: tra questi Marcel Jacobs, Vincenza Petrilli, Stefano Raimondi e Giulia Terzi. 

     

    “Avete emozionato gli italiani. Vi sono momenti in cui lo sport assume significati più ampi. Il nostro Paese è in ripresa, si è sentito rappresentato, si è sentito coinvolto da voi”. Lo ha detto il presidente Sergio Mattarella ricevendo al Quirinale gli atleti olimpici e paralimpici. Questa è stata una grande estate per lo sport”. 

    “Concludo sottolineando – ha detto ancora Mattarella – che voi siete stati squadra, avete dimostrato amicizia e integrazione tra di voi, e avete sollecitato attenzione allo sport e a praticare lo sport”. 

    Filippo Tortu ‘passa’ il testimone della staffetta 4×100 medaglia d’oro olimpica a Tokyo al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, “custode dell’unità nazionale”. È stato questo, nel corso della cerimonia al Quirinale, il dono al Capo dello Stato da parte della delegazione Coni, formata dal presidente Giovanni Malagò e dai medagliati azzurri alle Olimpiadi. Tortu ha offerto il testimone a Mattarella dopo averlo ricevuto dai suoi compagni di staffetta nell’ordine esatto della prova olimpica. 

    “È storica la risposta del Paese, riceviamo migliaia di email da persone che ci chiedono come cominciare a fare sport. Abbiamo vinto 69 medaglie, ed è successo qualcosa d’incredibile, abbiamo fatto breccia nel cuore degli italiani, ma non vogliamo commuovere ma smuovere”. Lo ha detto Luca Pancalli, presidente del comitato paralimpico italiano, parlando al Quirinale durante la cerimonia di riconsegna del tricolore degli olimpici e paralimpici. “Tokyo sia testimonianza su quanto c’è ancora da fare per garantire pari dignità di accesso allo sport come strumento fondamentale per riconoscere i diritti individuali dei paralimpici”.

    “Dietro queste medaglie c’è tutto lo sport, colpito ma non abbattuto dalla pandemia. Perché lo sport è sempre più la locomotiva emotiva del Paese”: lo ha detto la sottosegretaria alla presidenza del Consiglio, Valentina Vezzali, al Quirinale durante la cerimonia di riconsegna del tricolore. “Questi atleti ci hanno reso orgogliosi – ha aggiunto Vezzali – ma lo sport ha anche bisogno di attenzione da parte delle istituzioni, a cominciare dalla questione della pratica nella scuola”.

    “La missione di rendere felici e orgogliosi tutti gli italiani è perfettamente riuscita, con un’Olimpiade da record nei numeri e nei risultati”. Lo ha detto il presidente del Coni, Giovanni Malagò, parlando al Quirinale per la cerimonia della riconsegna del tricolore degli azzurri olimpici e paralimpici di Tokyo 2020. “Lo sport – ha aggiunto Malagò rivolgendosi al Capo dello Stato, Sergio Mattarella – non è mai fine a se stesso, e ancor di più in questo momento: per questo gli azzurri non vedevano l’ora di sventolare il tricolore sul podio. Sono davvero fratelli e sorelle d’Italia”.

    “Il merito di un’Olimpiade da record, nei numeri e nei risultati, è tutto loro”, ha sottolineato il presidente del Coni. “Non c’è mai stata per l’Italia nella storia un’Olimpiade con 40 medaglie – ha aggiunto – mai tutte le Regioni hanno avuto almeno un rappresentante, mai un’Italia con 46 atleti in tutti e cinque i continenti, a dimostrazione di una squadra multietnica e perfettamente integrata”.

    “Comincerò il discorso ricordando le parole di tre mesi fa – aveva detto Malagò prima dell’inizio della cerimonia – sono successe tante belle cose. Sono molto orgoglioso per il Paese, i ragazzi e le ragazze sono stati bravissimi. Missione compiuta”. E ancora: “Tutto questo ci lascia ben sperare per Parigi. Io penso che si sia seminato bene negli anni passati e non era affatto scontato. Ora siamo già a 2 anni e dieci mesi dalla prossima Olimpiade, ma soprattutto a 130 giorni dai Giochi invernali di Pechino”.


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Ruby ter: processo a Siena, Berlusconi e il pianista assolti

    Ruby ter: processo a Siena, Berlusconi e il pianista assolti

    (ANSA) - SIENA, 21 OTT - Silvio Berlusconi e il pianista di Arcore Danilo Mariani sono stati assolti "perché il fatto non sussiste" al processo Ruby ter a Siena dove erano imputati per corruzione in atti giudiziari. Così la sentenza del tribunale dopo circa un'ora di...

    Ciclismo: mondiali pista; Italia oro nell’inseguimento squadre

    Ciclismo: mondiali pista; Italia oro nell’inseguimento squadre

    L'Italia è medaglia d'oro nell'inseguimento a squadre maschile ai mondiali su pista di Roubaix. In finale il quartetto azzurro - Simone Consonni, Filippo Ganna, Liam Bertazzo, Jonathan Milan - ha superato la Francia. Bronzo alla Gran Bretagna.    ---Fonte...