Mattarella cita Leone e allontana il bis

Nov 11, 2021

  • Condividi l'articolo

    In occasone di un incontro per i 20 anni della morte di Giovanni Leone, Sergio Mattarella ha ricordato che “la non rieleggibilità del presidente della Repubblica con l’eliminazione del semestre bianco” è stata chiesta anche dallo stesso Leone, così come da Antonio Segni. Con queste parole l’attuale presidente della Repubblica sembra aver allontanato definitivamente l’ipotesi di un bis al Quirinale.

    Un intervento che fa il paio con quanto già dichiarato da Sergio Mattarella all’inizio dell’anno, quando ricordò proprio la contrarietà alla rieleggibilità professata da Antonio Segni durante la sua commemorazione. Ora che si avvicina a grandi passi la scadenza del settennato, l’inquilino del Colle sembra aver messo le mani avanti, tirandosi fuori dalla corsa per le prossime elezioni. La sua conferma al Colle sarebbe un’opzione gradita a gran parte dei partiti, soprattutto a quelli dell’area di centrosinistra, ma le intenzioni di Sergio Mattarella sembrano andare definitivamente dalla parte opposta.

    Nel ricordare quanto fatto da Giovanni Leone per l’Italia, il titolare del Quirinale ha voluto citare il discorso di insediamento come presidente della Camera nel ’55: “Affermò: ‘Nell’esercizio del mio mandato affidatomi non obbedirò che alla mia coscienza’. Nel corso del suo lungo impegno nei tanti ruoli di vertice nelle nostre Istituzioni è sempre stato questo il criterio delle sue scelte e la Repubblica, a venti anni dalla sua morte, lo ricorda con riconoscenza“.

    Mattarella, nel corso del suo omaggio di oggi, ha citato proprio il discorso che Giovanni Leone fece il 15 ottobre del 1975 in parlamento, “che venne ritenuto da giuristi autorevoli uno degli interventi sulle riforme istituzionali“. Poi, rivolgendosi ai giornalisti, Mattarella ha detto: “La stampa è al servizio della verità, ma sappiamo tutti come questa sia inafferrabile. Accontentiamoci allora che la professione giornalistica sia esercitata con l’attenta, perfino esasperata, ricerca del riscontro oggettivo, con buona fede, con la consapevolezza dell’influenza che perfino la pubblicazione di una semplice notizia di cronaca o di un commento può esercitare sulla pubblica opinione e talora sullo sviluppo della società“.

    Parole che il presidente Mattarella ha voluto ribadire in ricordo della vicenda che portò alle dimissioni del suo predecessore: “Difficile trovare una campagna giornalistica scandalistica e invereconda come quella diretta contro il presidente Leone, secondo un modello altre volte registrato“.


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Bonucci, ‘speravamo nel primato, obiettivo minimo i quarti’

    Bonucci, ‘speravamo nel primato, obiettivo minimo i quarti’

    (ANSA) - TORINO, 08 DIC - "Ci speravamo che potesse succedere: dovevamo pensare a noi e non a ciò che capitava in Russia, è stato bello festeggiare alla fine insieme ai nostri tifosi": così Leonardo Bonucci commenta la qualificazione agli ottavi di finale della...

    E. League: Leicester ha 7 positivi al Covid, niente Napoli

    E. League: Leicester ha 7 positivi al Covid, niente Napoli

    (Vedi ' E. League: Rodgers, tanta assenze...' delle 19:21) (ANSA) - NAPOLI, 08 DIC - Il Leicester ha sette calciatori positivi al Covid, che quindi domani non potranno giocare contro il Napoli nell'ultima giornata del girone di Europa League.    "Sono...