• Meteo: coda d’estate ma da venerdì brutto tempo e freddo

    Condividi l'articolo

    (ANSA) – ROMA, 12 SET – Arriva l’estate dell’anticiclone
    Bacco, poi da venerdì cambierà tutto. Un flusso di aria artica
    ci porterà nell’autunno in poco tempo. Secondo Antonio Sanò,
    direttore e fondatore del sito www.iLMeteo.it , l’alta pressione
    proteggerà gran parte delle regioni fino a mercoledì 14,
    garantendo giornate ampiamente soleggiate e temperature in
    graduale aumento. I valori massimi torneranno a toccare punte
    superiori ai 30°C al Centro-Nord e nuovamente fino a 37-38°C al
    Sud, a partire da martedì, dapprima in Sardegna, poi su Sicilia,
    Calabria e Puglia.
        Da giovedì 15, una perturbazione sospinta da venti meridionali
    colpirà Alpi, Prealpi e soprattutto Toscana e Umbria e l’alta
    pressione delle Azzorre dall’oceano Atlantico inizierà a
    innalzarsi verso il Polo Nord. Questo movimento richiamerà aria
    fredda che velocemente dalla Scandinavia raggiungerà l’Italia.
        Da venerdì e nel weekend 17-18 Settembre l’aria artica farà il
    suo ingresso dalla Porta della Bora (Alpi Giulie) provocando non
    solo un intenso peggioramento del tempo dal Nordest verso le
    regioni adriatiche centrali, ma anche un drastico calo delle
    temperature, dapprima al Settentrione poi anche sul resto
    d’Italia. Si passerà così dall’estate all’autunno in poco tempo.
        Nel dettaglio:
    – Lunedì 12. Al nord: soleggiato ovunque. Al centro: cielo
    sereno o poco nuvoloso. Al sud: bel tempo prevalente.
        – Martedì 13. Al nord: sole e caldo estivo di giorno. Al centro:
    sole prevalente e caldo. Al sud: sole e temperature in aumento.
        – Mercoledì 14. Al nord: temporali sulle Alpi, nubi in aumento
    altrove. Al centro: cielo molto nuvoloso, gran caldo in
    Sardegna. Al sud: sole e caldo.
        Tendenza: da giovedì 15 peggioramento del tempo, forte in
    Toscana e Umbria, poi arriverà aria più fredda. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte