• Meteo: weekend con bel tempo su gran parte dell’Italia

    Condividi l'articolo

    (ANSA) – ROMA, 09 SET – Oggi residui temporali forti, specie
    sul Nord-Est e nell’area compresa tra Bassa Toscana e Lazio poi
    seguirà un miglioramento con venti forti dai quadranti
    occidentali che spazzeranno via le nubi. Infine un weekend con
    bel tempo su gran parte dell’Italia. Dalla prossima settimana
    invece avremo prima il caldo africano e in seguito dei
    nubifragi. Sono queste in sintesi le previsioni Antonio Sanò,
    Direttore e Fondatore del sito www.iLMeteo.it, che individua
    nell’arrivo dell’ex-uragano Danielle una delle principali cause
    della rimonta, da lunedì, del caldo africano sullo stivale.
        Da domani tornerà il bel tempo su gran parte dell’Italia, salvo
    piovaschi al mattino in Emilia Romagna e sulle Alpi orientali;
    sempre al mattino non si escludono brevi piovaschi di passaggio
    anche in Campania. Domenica sarà prevalentemente soleggiata con
    qualche momento di incertezza: note instabili sono attese sul
    versante adriatico sotto forma di veloci acquazzoni più
    probabili a ridosso dell’Appennino.
        NEL DETTAGLIO
    – Venerdì 9. Al nord: graduale miglioramento a partire dal
    Nordovest, ancora instabile al Nordest. Al centro: a tratti
    piovoso e più ventoso. Al sud: temporali mattutini dalla
    Campania verso la Puglia.
        – Sabato 10. Al nord: qualche rovescio su Alpi orientali ed
    Emilia Romagna. Al centro: in prevalenza soleggiato. Al sud:
    soleggiato e molto caldo, possibile acquazzone in Campania.
        – Domenica 11. Al nord: in prevalenza soleggiato. Al centro:
    soleggiato salvo qualche acquazzone sul versante adriatico ed a
    ridosso dei rilievi. Al sud: soleggiato e molto caldo, nubi
    sparse in Puglia, Campania e Calabria.
        Tendenza. Da lunedì rimonta dell’Anticiclone Africano anche
    verso il Centro-Nord con caldo in sensibile aumento. Da metà
    settimana possibile peggioramento al Nord. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte