• Migranti: 325 soccorsi, giunti a Pozzallo e Augusta

    Condividi l'articolo

    (ANSA) – RAGUSA, 13 NOV – Trecentoventicinque i migranti
    tratti in salvo ieri mattina al largo della Sicilia e nella
    notte trasferiti nei porti di Pozzallo, in provincia di Ragusa
    (205) e Augusta, Siracusa (120). Si trovavano a bordo di un
    barcone e sono stati raggiunti da un mezzo della Guardia
    Costiera. Le operazioni di salvataggio si sono concluse poco
    prima della mezzanotte di ieri, dopo il trasbordo dei 325
    migranti su due motovedette della Guardia Costiera e della
    Guardia di Finanza, che li hanno portati sulla terraferma. Nel
    porto di Pozzallo, gli uomini e le donne della Protezione civile
    regionale sono stati presenti per gli aspetti relativi alla
    logistica, come previsto dal ‘piano sbarchi’. In banchina,
    attivati dalla sala operativa regionale, su richiesta della
    prefettura di Ragusa, c’erano il “Gruppo Comunale di Pozzallo”
    con quattro volontari, la “Misericordia” di Modica, con 4
    volontari ed una ambulanza, la “Misericordia” di Rosolini, con
    un’ ambulanza e tre volontari, e l’”Organizzazione Volontari di
    PC di Ragusa” con 2 volontari e torre faro; oltre alla “Croce
    Rossa”, presente con i propri volontari e un’ambulanza. Lo
    sbarco dei migranti, avvenuto sotto la pioggia battente, è stato
    coordinato dal dirigente generale della protezione civile
    regionale Sicilia, Salvo Cocina, in costante contatto con i
    funzionari dipartimentali che hanno seguito i lavori di
    assistenza in banchina. “Cocina ha tenuto costantemente
    informato il Presidente della Regione, Renato Schifani,
    sull’evento”, afferma una nota della protezione civile. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte