• Mondiali: Luis Enrique, io responsabile ma orgoglioso Spagna

    Condividi l'articolo

    (ANSA) – ROMA, 06 DIC – “I rigori ci sono costati
    l’eliminazione, ma sono orgoglioso della mia squadra. Mi assumo
    tutte le responsabilità perché ho scelto i primi tre tiratori
    dal dischetto e loro hanno deciso il resto: purtroppo non siamo
    arrivati ai quarti”. Così il ct della Spagna, Luis Enrique, dopo
    la sorprendente eliminazione dai Mondiali in Qatar.
        Un’uscita di scena davvero “crudele”, l’ha definita il
    capitano delle Furie Rosse, Sergio Busquets. “La partita è stata
    dura, molto dura per noi. Abbiamo cercato di sfinirli, farli
    girare intorno, trovare spazi. Ci è mancata quel pizzico di
    fortuna per il pallone finale”, ha proseguito il 34enne
    difensore del Barcellona, che si è visto parare il tiro dal
    dischetto dal portiere del Siviglia Bounou. “È una serata
    difficile e dobbiamo rimetterci in piedi e fare tesoro di questa
    esperienza per il futuro. Per fortuna ci sono alcuni giocatori
    molto giovani che questo ci aiuterà molto”, ha aggiunto
    Busquets. Molto abbattuto anche il portiere, Unai Simon, che ha
    parato solo un tiro degli avversari contro due, più un palo, del
    suo collega Bounou: “Penso che nei 120 minuti di gioco siamo
    stati superiori ai nostri avversari, ma quello che dico conta
    poco ora se non riusciamo a segnare. Poi ai rigori loro sono
    stati superiori e questo è ciò che li ha portati ai quarti. Non
    ci aspettavamo di essere eliminati dal Marocco, ma è la realtà e
    ora dobbiamo tornare a casa”. “Siamo distrutti perché volevamo
    andare avanti e avevamo la squadra per farlo, ma siamo
    orgogliosi di quello che abbiamo fatto”, ha detto Llorente.
        (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte