Muore a 119 anni la donna giapponese più anziana del mondo

Apr 25, 2022

  • Condividi l'articolo

    E’ morta in Giappone alla veneranda età di 119 anni la donna più vecchia del mondo. Lo hanno annunciato oggi le autorità locali. Kane Tanaka nasce il 2 gennaio 1903 nel dipartimento di Fukuoka (sudovest del Giappone): quell’anno i fratelli Wright effettuano il primo volo a motore e Marie Curie diventa la prima donna a vincere un premio Nobel. Relativamente in buona salute fino a poco tempo fa la donna viveva in una casa di cura e si dedicava ai giochi da tavolo, ma anche a risolvere problemi di matematica. La soda e la cioccolata erano i suoi grandi piaceri. Da giovane aveva gestito diverse attività, tra cui un negozio di noodle e un negozio di torte di riso. Si era sposata nel 1922, dando alla luce quattro figli e adottandone un quinto. Aveva programmato di partecipare alla staffetta della torcia su sedia a rotelle per le Olimpiadi di Tokyo nel 2021, ma aveva rinunciato a causa della pandemia. Quando nel 2019 il Guinness dei primati gli ha conferito il titolo di persona vivente più anziana del mondo, gli è stato chiesto quale fosse il momento più felice della sua vita. La sua risposta è stata sorprendente: “Adesso”, ha detto.
        Il Giappone ha la popolazione più antica del mondo e circa 86.500 dei suoi abitanti sono centenari, secondo l’ultima stima del ministero della Salute nel settembre 2021. La persona più anziana mai vissuta e la cui data di nascita è stata certificata è stata la francese Jeanne Calment, morta nel 1997 all’età di 122 anni. 
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Bellaria. Al via i lavori di dragaggio del porto canale

    Bellaria. Al via i lavori di dragaggio del porto canale

    Al via i lavori di dragaggio del porto canale di Bellaria Igea Marina che dovrebbero concludersi entro la fine del mese di maggio. Spiega l’Assessore all’Ambiente Adele Ceccarelli: “Nonostante ricadessero in questo 2022 analisi cicliche che comportano un surplus di...

    Rimini. Colpo di scena, Cristo ligneo: il Ministero ricorre

    Rimini. Colpo di scena, Cristo ligneo: il Ministero ricorre

    Contesa giudiziaria tutt’altro che conclusa. Nonostante il rigetto della confisca disposto il 19 aprile dalla Gip di Rimini, non è finita. Oggetto il Cristo Ligneo inizialmente attribuito a Michelangelo. Il Ministero dei Beni Culturali ha presentato ricorso e quindi...