Musica: a Bologna torna AngelicA, il festival della ricerca

Mag 2, 2022

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – BOLOGNA, 02 MAG – Dodici appuntamenti, tra il 7
    maggio e il 4 giugno, per la 32esima edizione di AngelicA, il
    festival internazionale dedicato alla musica di ricerca in
    programma come di consueto tra Bologna (Teatro San Leonardo) e
    Modena (un’incursione al Teatro Comunale nell’ambito della
    rassegna L’Altro Suono).
        “Un festival – ha spiegato il direttore artistico Massimo
    Simonini – ancora in grado di sorprendere chi cerca di
    allontanarsi dagli spazi conosciuti, per essere disorientato e
    nuotare verso nuove rive, con l’apertura alla diversità, alla
    curiosità e alla capacità di accogliere”.
        Il concerto di apertura, in prima assoluta, è l’esito di una
    residenza dell’ottantottenne compositore americano Christian
    Wolff, amico di John Cage, che torna ad AngelicA dopo i concerti
    a lui dedicati nel 2013. Il programma ruota attorno a due brani
    composti appositamente per Bologna: Sveglia, per sette chitarre
    elettriche, e Roulette, per trio. In mezzo, brani che coprono un
    arco di 58 anni della fantasia compositiva di Wolff. La serata è
    realizzata con la collaborazione del Conservatorio Martini di
    Bologna.
        AngelicA è fatto come sempre da musiche diverse che però
    parlano tutte assieme: ecco dunque le nuove sonorità della
    musica brasiliana di Amaro Freitas per il suo primo piano solo
    in Italia (17/5); la prima apparizione italiana il 18 del
    Seabrook Trio, formato da Brandon Seabrook, Cooper-Moore e
    Gerald Cleaver; Ernst Reijseger insieme all’Orchestra Creativa
    dell’Emilia-Romagna per un progetto in collaborazione con il
    festival L’Atro Suono (20/5); le molteplici possibilità
    espressive di un ensemble di otto trombe dell’ensemble The
    Monochrome Project, fondato dal trombettista olandese Marco
    Blaauw (21/5); una serata dedicata ai suoni della Norvegia con
    Ingfrid Breie Nyhus e Benedicte Maurseth (25/5); il duo di
    elettronica Matmos, protagonista di un’altra residenza di tre
    giorni per due concerti in esafonia che avvolgeranno il pubblico
    (29/5). Senza dimenticare l’atteso ritorno il 3 giugno di
    Anthony Braxton, che si esibirà in prima assoluta in un
    quartetto per sassofoni, il Piccolo Coro Angelico (il 30) e i
    dischi, arrivati a 50, legati al Festival. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • La regina Elisabetta inaugura una linea della metro

    La regina Elisabetta inaugura una linea della metro

    Nuova uscita a sorpresa oggi della 96enne regina Elisabetta, dopo la clamorosa defezione della settimana scorsa all'apertura tradizionale dell'anno parlamentare a Westminster e la delega per la prima volta da decenni della lettura istituzionale del cosiddetto Queen's...

    Bova si sdoppia, da Don Matteo a Giustizia per tutti con Morales

    Bova si sdoppia, da Don Matteo a Giustizia per tutti con Morales

    Da sacerdote senza tonaca che si muove in moto, don Massimo, in "Don Matteo" su Rai1, a fotografo che finisce per un errore giudiziario  in carcere perché accusato di aver ucciso la moglie ma poi si trasforma durante la detenzione, grazie a studio e tenacia, in...