Musica: Grigory Sokolov arriva all’Auditorium di Bologna

Giu 20, 2022

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – BOLOGNA, 20 GIU – La stagione concertistica di
    Musica Insieme si conclude il 22 giugno alle 20,30
    all’Auditorium Manzoni di Bologna col recupero dell’attesissimo
    recital del pianista russo Grigory Sokolov, inizialmente
    previsto per il 9 maggio, e rinviato per un’indisposizione
    dell’artista. Fra i massimi pianisti di oggi, Sokolov proporrà
    tre capolavori dell’Ottocento tedesco come le Variazioni Eroica
    di Beethoven, gli Intermezzi Op. 117 di Brahms e il ciclo
    Kreisleriana di Schumann, ai quali il pianista aggiungerà, come
    sua consuetudine, un cospicuo numero di bis.
        Grigory Sokolov, interprete ammirato in tutto il mondo per la
    sua intuizione visionaria e per le poetiche interpretazioni, col
    suo programma attraverserà l’intero Ottocento: tre capolavori
    del repertorio pianistico tutti molto diversi tra loro, ma allo
    stesso tempo legati da un fil rouge, si tratta infatti di tre
    opere tutte strutturate su brevi frammenti, sebbene in forme
    diverse. Un tema di balletto aprirà le danze: è il 1802 quando
    Beethoven compone le sue variazioni, riutilizzando il tema del
    rondò finale de Le creature di Prometeo, balletto in tre atti
    musicato l’anno precedente. La composizione è poi diventata
    familiare al grande pubblico con il nome di Variazioni Eroica,
    proprio perché lo stesso materiale tematico comparirà tre anni
    più tardi nel movimento finale della Terza Sinfonia, denominata
    per l’appunto Eroica. Sokolov eseguirà poi gli Intermezzi Op.
        117 di Brahms, composti nel 1892.
        Siamo di fronte a un genere di composizione completamente
    diverso e profondamente intriso di Romanticismo, che si dispiega
    in tre piccoli e cesellati frammenti. L’interessante percorso
    musicale si concluderà con Robert Schumann, legato a sua volta a
    Brahms, di cui annunciò al mondo il talento con il celebre
    articolo “Vie nuove”, designandolo quale degno erede di
    Beethoven. Schumann compose la Kreisleriana nel 1838, anch’essa
    caposaldo del repertorio pianistico classico. In una lettera
    alla moglie, rivela di avere scritto questo ciclo inscindibile
    di otto pezzi in soli quattro giorni. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Travolto da un muletto a Forlì, muore operaio

    Travolto da un muletto a Forlì, muore operaio

    (ANSA) - FORLÌ, 02 LUG - Incidente mortale sul lavoro a Forlì. A perdere la vita un operaio di 50 anni, Cristian Pasini.    L'uomo, poco dopo le 6, era impegnato con un muletto a spostare merci nel piazzale di un supermercato in centro città. Per cause...

    Incendio su nave: portacontainer in porto Brindisi per controlli

    Incendio su nave: portacontainer in porto Brindisi per controlli

    (ANSA) - BARI, 02 LUG - Verso le ore 18 di oggi lascerà la rada e sarà ormeggiata presso la diga di Punta Riso, nel porto esterno di Brindisi, la nave portacontainer Cerus a bordo della quale all'alba si è sviluppato un principio d'incendio che è stato domato. Nessuna...