Nato: la guerra in Ucraina potrebbe durare anni

Giu 19, 2022

  • Condividi l'articolo

    “La guerra in Ucraina potrebbe durare per anni”. A dirlo è il il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, in un’intervista pubblicata oggi dal quotidiano tedesco Bild. “Dobbiamo essere preparati che duri anni” ha detto, suggerendo di “non indebolire il sostegno all’Ucraina, anche se i costi sono elevati, non solo in termini di supporto militare, ma anche a causa dell’aumento dei prezzi dell’energia e dei generi alimentari”.

    Tuttavia, secondo Stoltenberg, “i costi di cibo e carburante non sono nulla rispetto a quelli pagati quotidianamente dagli ucraini in prima linea. Inoltre, se il presidente russo Vladimir Putin dovesse raggiungere i suoi obiettivi in Ucraina, come quando ha annesso la Crimea nel 2014, “dovremmo pagare un prezzo ancora maggiore”, ha avvertito. In questo contesto, il segretario generale della Nato ha esortato i Paesi dell’alleanza a continuare le consegne di armi a Kiev. “Con armi moderne aggiuntive, la probabilità che l’Ucraina sia in grado di respingere le truppe di Putin dal Donbass aumenterebbe”, ha affermato. La regione dell’Ucraina orientale è attualmente in parte sotto il controllo delle forze russe.

    Intanto Sergiy Gaiday, il governatore del Lugansk, la regione dell’Ucraina orientale teatro di pesanti combattimenti con la Russia, ha detto che la situazione attuale è “difficile, nella città di Lysychansk e nella regione nel suo insieme” poiché i russi “stanno bombardando le nostre truppe 24 ore al giorno. C’è – ha detto Gaiday – un’espressione: prepararsi al peggio e il meglio verrà da sé: dobbiamo prepararci”. Da Lysychansk, l’artiglieria ucraina sta sparando a Severodonetsk, dove si alza il fumo dalla fabbrica di Azot e le truppe russe sparano proiettili e razzi. Gaiday ha chiesto che le forniture di “armi a lungo raggio arrivino il prima possibile”. “Il fatto che l’Occidente ci stia aiutando è positivo, ma è (troppo) tardi”.
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Rimini. Riminese contagiato da vaiolo scimmie non è più contagioso

    Rimini. Riminese contagiato da vaiolo scimmie non è più contagioso

    Sta bene il ragazzo riminese colpito dal vaiolo delle scimmie, il primo caso in provincia. E finora nessuna delle persone che aveva avuto stretti contatti con lui è risultata contagiata. Il decorso è stato tutto sommato rapido e non ha mai destato preoccupazione nei...

    Turchia chiede a Svezia-Finlandia consegna 33 ‘terroristi’

    Turchia chiede a Svezia-Finlandia consegna 33 ‘terroristi’

    Il ministro della Giustizia turco Bekir Bozdag ha detto che saranno nuovamente inviate a Svezia e Finlandia richieste di estradizione per 33 membri del partito curdo armato Pkk e per altri affiliati alla rete Feto, ritenuta responsabile del tentato golpe del 2016. Lo...