Nato, Stoltenberg esclude la no-fly zone: ‘Non siamo parte del conflitto’

Condividi l'articolo

La Nato non è parte del conflitto in Ucraina, provvede al sostegno dell’Ucraina per la sua difesa e forniremo più aiuti per la difesa aerea. L’Ucraina ha il diritto di difendere contro la guerra illegale della Russia. Abbiamo sistemi di difesa aerea operativi 24ore su 24 con aerei, abbiamo sistemi di terra e navali. I nostri sistemi di difesa anti-aerea entrano in funzione se c’è un attacco ma non abbiamo evidenze che in Polonia ci sia stato un attacco deliberato.” Lo ha detto il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg rispondendo ad una domanda sull’opportunità di una no-fly zone in Ucraina da parte dell’Alleanza.

Dall’inizio della guerra la Nato ha aumentato la sua vigilanza sul lato orientale. Le indagini sull’accaduto sono in corso, necessitiamo di aspettare l’esito ma non abbiamo indicazioni che le esplosioni siano frutto di un attacco deliberato e non abbiamo indicazioni che la Russia stia preparando un attacco alla Nato“. Lo ha detto il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg in conferenza stampa.

“Nel corso della riunione, gli Alleati hanno espresso il loro sostegno. La Nato ha rafforzato la sorveglianza sul lato orientale, sia con truppe di terra sia con difese aeree”. Lo ha detto il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg predicando “calma. Il nostro monitoraggio è continuo”.

“Voglio dire in maniera chiara” che sull’incidente avvenuto in Polonia “Kiev non ha colpe” ma  “è il risultato del massiccio lancio di missili russi sull’Ucraina. Questa è la dimostrazione che la guerra di Putin crea situazioni pericolose. Putin deve fermare questa guerra”. Lo ha detto il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg.

   


Fonte originale: Leggi ora la fonte