• Naufragio di migranti, 53 i corpi recuperati al largo della Siria. Si temono decine di dispersi

    Condividi l'articolo

     Sale a 53 morti il bilancio del naufragio di una barca di migranti provenienti dal Libano, i cui corpi sono stati ritrovati a largo delle coste siriane. Tra le vittime ci sono donne e bambini. Lo riferiscono media libanesi, che citano fonti del governo di Beirut. Altre fonti parlano di un bilancio provvisorio di 62 vittime. I dispersi potrebbero essere decine.

        Il primo ritrovamento di 15 corpi era avvenuto ieri pomeriggio di fronte alla costa di Tartus, in Siria, poco lontano dal confine con il Libano. L’imbarcazione proveniva dal nord del Libano. 

       A bordo dell’imbarcazione c’erano più di 100 persone, forse addirittura 150. L’Osservatorio siriano per i diritti umani in Siria, che ha ascoltato le testimonianze di alcuni sopravvissuti, afferma che a bordo della “barca della morte” c’erano dalle 120 alle 150 persone, per lo più libanesi ma anche siriani e palestinesi.
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte