Nel 2021 uccisi 22 missionari, in 20 anni 536

Dic 30, 2021

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – CITTA DEL VATICANO, 30 DIC – Nel 2021 sono stati
    uccisi nel mondo 22 missionari: 13 sacerdoti, 1 religioso, 2
    religiose, 6 laici. Riguardo alla ripartizione continentale –
    secondo i dati raccolti dall’Agenzia Fides – il numero più
    elevato si registra in Africa, dove sono stati uccisi 11
    missionari (7 sacerdoti, 2 religiose, 2 laici); segue l’America,
    con 7 missionari uccisi (4 sacerdoti, 1 religioso, 2 laici)
    quindi l’Asia, dove sono stati uccisi 3 missionari (1 sacerdote,
    2 laici), e l’Europa, dove è stato ucciso 1 sacerdote. Dal 2000
    al 2020, sempre secondo i dati di Fides, sono stati uccisi nel
    mondo 536 missionari.
        Tra i missionari uccisi nel 2021 c’è Nadia de Munari,
    missionaria laica italiana, 50 anni, che apparteneva al gruppo
    di volontari dell’Operazione Mato Grosso operanti in Perù; è
    morta il 24 aprile 2021 dopo essere stata aggredita con un
    machete mentre dormiva. E’ di origine italiana, ma nato in
    Venezuela da genitori emigrati da Montefusco, in provincia di
    Avellino, anche fratel Luigi Manganiello, 49 anni, religioso dei
    Fratelli delle Scuole Cristiane; è stato colpito al corpo e alla
    testa con un oggetto contundente dai ladri che aveva scoperto
    mentre stavano rubando nei locali della scuola in cui insegnava,
    nel centro di Barquisimeto (Venezuela). (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte