Nel Piacentino apre sottopasso stazione per unire il paese

Giu 20, 2022

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – BOLOGNA, 20 GIU – Il sottopassaggio della stazione
    di Castel San Giovanni, nel Piacentino, diventa ‘passante’, per
    garantire un collegamento ciclo-pedonale veloce e sicuro fra il
    piazzale esterno della stazione ferroviaria e la zona di città
    al di là dei binari. Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo Fs
    Italiane) ha concluso la seconda e ultima fase dei lavori di
    realizzazione del sottopasso nella stazione ferroviaria
    Castellana.
        Dopo l’apertura – a dicembre 2021 – delle scale di accesso ai
    binari 2 e 3, questa mattina è stata aperta completamente alla
    città a vantaggio non solo dei viaggiatori, ma anche dei
    numerosi lavoratori che si recano ogni giorno nel polo logistico
    a piedi o in bicicletta. Entro la fine del 2022 sarà attivato
    anche l’ascensore per il completo abbattimento delle barriere
    architettoniche.
        Il nuovo sottopasso è stato costruito ‘fuori opera’ e
    successivamente spinto sotto i binari. Questa tecnica, unita
    all’utilizzo di sostegni provvisori dell’infrastruttura
    ferroviaria, ha consentito di ridurre al minimo le interferenze
    con il traffico ferroviario. L’opera, del valore di oltre 3,5
    milioni di euro, è stata finanziata con un contributo di 370mila
    euro da parte del Comune. La realizzazione del sottopasso è
    frutto di un accordo fra Rfi e il Comune di Castel San Giovanni.
        (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • La Corte Suprema targata Trump cambia l’America

    La Corte Suprema targata Trump cambia l’America

     La Corte Suprema targata Donald Trump riscrive la storia dell'America e manda in pensione il diritto all'aborto, regalando ai conservatori una vittoria che agognavano da anni. Lo fa fra le proteste, le critiche e il crescente scetticismo degli americani: solo...

    Nel mirino dei ‘saggi’ anche voto, clima e nozze gay

    Nel mirino dei ‘saggi’ anche voto, clima e nozze gay

    Non solo l'aborto e le armi. Con una Corte suprema dominata da una maggioranza di sei giudici conservatori - di cui tre nominati da Donald Trump - sono a rischio altri diritti e valori fondamentali, dal clima alla religione e al voto. Il nuovo banco di prova...