Nessun colpevole per il Montepaschi. È l’ennesimo pasticcio giudiziario

Mag 8, 2022

  • Condividi l'articolo

    Indagini sbagliate. E processi fatti peggio. Alla fine, ecco in appello, il naufragio del segmento Mps che riguardava gli aggiotaggi sui prodotti finanziari. Tutti condannati in tribunale, a Milano, tutti assolti in appello. Gli avvocati degli imputati ci speravano e ritenevano assai sdrucciolevoli le motivazioni del verdetto di primo grado. Sono stati accontentati, con un azzeramento quasi stupefacente delle pene inflitte in prima battuta, e ora rimbalza la domanda impertinente di sempre: tutto il disastro di Siena è avvenuto per autocombustione?

    Gli ex vertici Giuseppe Mussari e Antonio Vigni, che nel 2008-9 avrebbero messo in piedi sofisticate operazioni su prodotti finanziari per nascondere le perdite causate dall’acquisto di Antonveneta, sono stati assolti con formula piena. Forse, il dito andava puntato in un’altra direzione, sui crediti deteriorati in pancia a Mps, oggetto dell’ennesimo filone di indagine, ma intanto le polemiche dilagano.

    «È una vicenda grottesca – spiega all’Adnkronos Letizia Giorgianni, presidente dell’Associazione vittime del Salvabanche – Qualcuno si è sbagliato. O il giudice nel corso del primo giudizio, o il giudice dell’appello».

    Forse il fascicolo delle performance, appena introdotto fra le furibonde proteste dell’Associazione nazionale magistrati, potrebbe servire per chiarire situazioni così imbarazzanti: come può accadere che sulle stesse carte due collegi arrivino a scrivere verdetti che fanno a pugni l’uno con l’altro?

    Attenzione: la coppia Mussari – Vigni ha seguito lo stesso percorso anche nell’ennesimo filone, quello per ostacolo alla vigilanza: condanna in primo grado, assoluzione in appello.

    È tranchant Pierluigi Piccini, ex sindaco di Siena: «Il verdetto della corte d’appello non può che suscitare stupore e incredulità, anche se senza le motivazioni è difficile esprimere un giudizio. Ora è tutto chiaro: Antonveneta si è comprata da sola. Quello che mi colpisce – aggiunge Piccini – è che le spese del processo saranno a carico delle parti civili e credo sarà un esborso notevole. La conclusione che sembra delinearsi dopo questa sentenza é che non è successo nulla».

    Insomma, siamo all’ennesimo pasticcio italiano, con immancabile e velenosa coda a Brescia dove si scava sull’ipotesi di un’omissione d’atti d’ufficio da parte della magistratura di rito ambrosiano.

    «La storia del nostro Paese – è il commento davanti alle telecamere di Omnibus di Lando Maria Sileoni, segretario generale della Fabi – è pieno di buchi neri. E quando ci sono scandali evidenti sembra che siamo un Paese di fantasmi. Non si trova mai un colpevole, gli avvocati sono sempre molto bravi e più bravi rispetto alla controparte. Insomma, si trova sempre una soluzione che in qualche modo mette una pietra tombale su eventi catastrofici».

    Parla invece del futuro della banca il segretario del Pd Enrico Letta: «Su Mps si è toccato il fondo l’anno scorso, quando si è immaginato che la fine di tutto fosse una svendita. Quella vicenda è definitivamente superata. Ora c’è una prospettiva positiva».


    Fonte originale: Leggi ora la fonte