Pakistan:gara di aiuti per elefante ‘più solo al mondo’

(ANSA) – ISLAMABAD, 06 SET – Veterinari e studiosi stanno
sottoponendo a visite ed esami accurati Kavaan, l’ultimo
elefante rimasto nello zoo di Islamabad, in Pakistan, per il
quale è stata lanciata una campagna mondiale in vista di un suo
trasferimento in Cambogia. Divenuto popolare sui social come ‘l’elefante più solo del mondo’ dopo la morte della sua compagna
otto anni fa, l’animale ha attirato l’attenzione di diverse
organizzazioni animaliste che hanno lanciato anche una raccolta
i fondi.
    Una squadra di team di Four Paws, un’organizzazione mondiale
per il benessere degli animali, è a Islamabad per valutare le
condizioni fisiche e mentali dell’elefante prima del
trasferimento.
    Amir Khalil, leader della missione Four Paws composta da
veterinari ed esperti della fauna selvatica, ha affermato che, a
causa della malnutrizione e della mancanza di esercizio fisico,
Kaavan mostra segni visibili di obesità. Inoltre, le sue unghie
sono incrinate e deformate, probabilmente a causa
dell’inadeguatezza della pavimentazione e della struttura del
suo recinto. Per risolvere questo problema, dovrà sottoporsi a
un programma di cura dei piedi a lungo termine, che non può
essere eseguito nello zoo di Islamabad.
    Muhammad Aslam, funzionario dell’amministrazione cittadina,
ha detto all’ANSA che la data per il trasferimento di Kavaan non
è stata ancora definita. Kavaan era stato portato in Pakistan
dallo Sri Lanka alla tenera età di un anno, ha ricordato, e ha
vissuto dal 1990 allo zoo di Islamabad insieme alla sua
compagna, morta nel 2012.
    Gli attivisti per i diritti degli animali si sono battuti a
lungo per il trasferimento dell’elefante, denunciando le cattive
condizioni anche di altri animali ospitati nella struttura.
    Tuttavia, per un lungo periodo, il governo del Pakistan ha
ignorato gli appelli. Nel maggio scorso, però, l’Alta Corte di
Islamabad ha ordinato la chiusura dello zoo a causa delle
pessime condizioni di manutenzione. In precedenza, due leoni
erano morti durante un tentativo di trasferimento a causa dei
loro ormai irreversibili problemi di salute. A seguito
dell’ordine, il consiglio di amministrazione della fauna
selvatica di Islamabad ha invitato l’organizzazione Four Paws a
farsi carico del problema. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte