• Pallavolo: Anzani, dopo Mondiale dobbiamo essere affamati

    Condividi l'articolo

    (ANSA) – TRENTO, 23 SET – “Abbiamo goduto per ogni singolo
    momento passato al Mondiale e dobbiamo godere anche in futuro.
        Dobbiamo essere affamati per scrivere pagine ancora più
    importanti di questa. Vincere contro la Polonia, a casa loro,
    con tutto quel pubblico, è stato bellissimo. Alla fine ci hanno
    applaudito e secondo me hanno riconosciuto la bravura che
    abbiamo avuto per batterli”. Il vicecapitano dell’Italvolley
    neocampione del mondo, Simone Anzani, ha raccontato sul palco
    del Teatro Santa Chiara di Trento le emozioni della finale,
    giocata e vinta dagli azzurri due settimane fa. Con lui,
    all’evento organizzato nell’ambito dl Festival dello sport di
    Trento, anche i compagni di squadra Alessandro Michieletto,
    Fabio Balasso, Daniele Lavia e Riccardo Sbertoli, oltre al ct,
    Ferdinando De Giorgi.
        “È giusto godersi quello che viene dopo un risultato così. Ed
    è giusto che si parli di più di pallavolo, anche sulle prime
    pagine. Spero che passi anche il messaggio che questi ragazzi
    stanno mandando, certo valori tecnici, ma non solo, anche tante
    emozioni. Una bella storia che in un momento come questo che
    stiamo vivendo dà fiducia e speranza. Sono ragazzi giovani che
    hanno fatto un’impresa incredibile e questo è un messaggio
    potentissimo che dobbiamo sfruttare per dare energia al nostro
    movimento ma anche in generale”, ha detto il commissario
    tecnico. “Noi dobbiamo proseguire il nostro percorso. Poi, se
    dovessi dare un giudizio, il Mondiale è tecnicamente più
    complicato delle Olimpiadi, perché ci sono tutte le squadre più
    forti”, ha aggiunto. Il riferimento è all’unico oro mancante nel
    palmares azzurro del volley, quello olimpico, sfiorato due volte
    (più un bronzo) dalla “generazione di fenomeni”, di cui Fefè De
    Giorgi ha fatto parte. Quello che aspetta la nazionale, ha
    proseguito il ct, è “un percorso del fare, non del provare
    perché sennò mi incazzo…”, ha scherzato. “Loro hanno creduto
    in questo progetto e si sono messi a costruire giorno dopo
    giorno e questa è la strada”, ha concluso. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte