Papa: il giornalismo è una missione, rende mondo meno oscuro

Nov 13, 2021

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – CITTA DEL VATICANO, 13 NOV – Il Papa ha accolto oggi
    una rappresentanza di giornalisti accreditati in Vaticano in
    occasione della consegna dell’onorificenza ai ‘decani’ della
    stampa vaticana Valentina Alazraki e Phil Pullella. “Al
    giornalismo si arriva non tanto scegliendo un mestiere, quanto
    lanciandosi in una missione, un po’ come il medico, che studia e
    lavora perché nel mondo il male sia curato. La vostra missione –
    ha detto il Papa parlando ai giornalisti – è di spiegare il
    mondo, di renderlo meno oscuro, di far sì che chi vi abita ne
    abbia meno paura e guardi gli altri con maggiore consapevolezza,
    e anche con più fiducia. È una missione non facile”. “Con
    l’onorificenza data a Valentina e Phil, oggi io voglio in
    qualche modo – ha sottolineato Papa Francesco – rendere omaggio
    a tutta la vostra comunità di lavoro; per dirvi che il Papa vi
    vuole bene, vi segue, vi stima, vi considera preziosi”.
        Ci sono “tre verbi che mi pare possano caratterizzare il buon
    giornalismo: ascoltare, approfondire, raccontare”, ha detto
    ancora Papa Francesco. “Ascoltare va sempre di pari passo con il
    vedere, con l’esserci: certe sfumature, sensazioni, descrizioni
    a tutto tondo possono essere trasmesse ai lettori, ascoltatori e
    spettatori soltanto se il giornalista ha ascoltato e ha visto di
    persona. Questo significa sottrarsi, e so quanto è difficile nel
    vostro lavoro!, sottrarsi alla tirannia dell’essere sempre
    online, sui social, sul web. Il buon giornalismo dell’ascoltare
    e del vedere ha bisogno di tempo. Non tutto può essere
    raccontato attraverso le email, il telefono, o uno schermo”.
        Bergoglio ha dunque rilanciato l’invito contenuto nel suo
    Messaggio per la Giornata delle Comunicazioni: “consumare le
    suole delle scarpe”, “uscire dalle redazioni”, “camminare per le
    città”, “incontrare le persone”, “verificare le situazioni in
    cui si vive nel nostro tempo”. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Juventus,Nedved: “Non è stato fatto passo più lungo della gamba”

    Juventus,Nedved: “Non è stato fatto passo più lungo della gamba”

    (ANSA) - ROMA, 30 NOV - "Io non credo sia stato fatto un passo più lungo della gamba. Il nostro comunicato è chiaro, si è espresso anche il presidente Agnelli: ha parlato alla squadra, ai dipendenti. Alla fine ha parlato anche l'azionista di maggioranza, Elkann. Non...

    Usa: sparatoria in un liceo in Michigan, 3 morti

    Usa: sparatoria in un liceo in Michigan, 3 morti

    (ANSA) - NEW YORK, 30 NOV - E' di almeno tre morti e sei feriti il bilancio di una sparatoria in un liceo in Michigan. Lo riportano i media americani, sottolineando che il presunto killer avrebbe 15 anni ed è stato fermato dalla polizia.    La...