Paralimpiadi: Fantin ‘ci ho messo il cuore, non solo le braccia’

Set 1, 2021

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – ROMA, 01 SET – “È fantastico, è una medaglia d’oro
    che arriva dopo grande lavoro e grande costruzione negli anni e
    soprattutto dopo due grandi staffette, entrambe d’argento”.
        Antonio Fantin oro e primatista del mondo nei 100 stile libero
    S6 alle Paralimpiadi di Tokyo racconta la sua impresa sportiva.
        “Sono due emozioni diverse – ammette l’azzurro – le prime due
    sono condivise con il gruppo e anche questa in un certo senso:
    tocca solo uno, sul podio va solo uno ma dentro c’è il lavoro di
    tutti, e portare sul podio tutte le persone che hanno lavorato
    con me mi rende molto orgoglioso.
        “Vincere la mia prima medaglia a una Paralimpiade e che questa
    sia d’oro – sottolinea Fantin – è qualcosa di incredibile, così
    come migliorare il mio record del mondo e questa mattina siglare
    anche il record paralimpico significa che il lavoro fatto è
    consistente e che ci dà fiducia anche per i prossimi giorni. Il
    mio obiettivo era toccare per primo, ma anche migliorare me
    stesso: è quello a cui punto sempre prima di tutto in
    allenamento, per poi trasferirlo anche in gara. Sono molto
    soddisfatto, significa davvero molto per me. Di solito tutte le
    medaglie le metto in un cassetto e non le guardo perché sono un
    punto di partenza per un nuovo percorso e un nuovo cammino: non
    bisogna mai sentirsi alla fine, sempre all’inizio”.
        “Sapevo che, a livello di gestione della gara, la vittoria –
    assicura Fantin – avrei potuto giocarmela nel secondo 50. E non
    solo per le mie caratteristiche ma anche per quelle dei miei
    avversari, visto che loro di solito partono molto veloci.
        Nell’ultima vasca oltre alle braccia ci ho messo veramente il
    cuore e quando ho toccato ho sperato di averlo fatto prima di
    tutti. Per i 400 mi piacerebbe chiudere questo ciclo di 4-5 anni
    iniziato ai Mondiali di Città del Messico con l’oro, perché è
    davvero una gara a cui tengo, la gara del mio cuore e che amo e
    ho amato da sempre. Spero di poter regalarmi e regalarci una
    bella gara”. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Rimini. Femminicidio di Sonia Di Maggio: al via il processo a Lecce

    Rimini. Femminicidio di Sonia Di Maggio: al via il processo a Lecce

    Si è aperto davanti alla Corte d'Assise di Lecce il processo nei confronti di Salvatore Carfora, il trentottenne campano accusato dell'omicidio della ex compagna, la ventinovenne riminese Sonia Di Maggio. Il delitto risale alla sera del 1° febbraio del 2021, a...