• Pensioni: Durigon, ora quota ponte 41+62, poi vera riforma

    Condividi l'articolo

    “Noi proporremo una quota ponte che è quota 41 che inizia con un paletto degli anni. Questo credo che sia necessario perché un riforma pensionistica strutturale così complessa con tanti sistemi di fuoriuscita credo vada messa a regime con un confronto”. Lo ha detto il sottosegretario al lavoro Claudio Durigon (Lega) a SkyTg24, precisando che per ora “abbiamo creato questa formula di 41 e 62”. “Fare le cose di fretta avrebbe portato degli errori”, ha aggiunto: ma serve una “riforma pensionistica complessiva che lanci definitivamente quota 41” e “ci prendiamo l’anno successivo per pensare questa norma insieme alle parti sociali”.

    “Ho sentito” Berlusconi, “anche personalmente, perché ha molto a cuore l’occupazione giovanile. Dare forza ad una gamba di aiuto per l’inserimento nel mondo del lavoro dei giovani è molto importante e credo che in questa finanziaria anche questo sarà presente”. Lo ha detto il sottosegretario al lavoro della Lega Claudio Durigon a SkyTg24. L’idea proposta ieri dal leader di Forza Italia è di azzerare le tasse alle aziende per assumere gli under34.   


    Fonte originale: Leggi ora la fonte