Pnrr: Bonaccini, l’emergenza è l’aumento dei prezzi

Condividi l'articolo

(ANSA) – SENIGALLIA, 15 NOV – Per il Piano nazionale di
ripresa e resilienza il tema non è cercare di cambiarlo ma
l’aumento dei prezzi dei materiali per cui si rischia che i
cantieri non partano. E’ il presidente della Regione Emilia
Romagna Stefano Bonaccini a lanciare un appello al governo, a
margine dell’Assemblea pubblica di Confindustria Ancona a
Senigallia sul tema “Mai Più” dopo le calamità che hanno colpito
la regione tra l’alluvione del 15 settembre scorso e poi il
terremoto del 9 novembre. All’Assemblea partecipa anche il
presidente di Confindustria Carlo Bonomi.
    “Invece che dire di cambiare il Pnrr, che ho l’impressione
che non sappiano di cosa parlano, – afferma Bonaccini -, la mia
Regione ha ricevuto più di 5 miliardi ai comuni per gran parte
alla Regione per parte ad altri enti, il tema è fare in fretta
perché l’Europa determina in pochi anni la capacità di spendere
quelle risorse e finalmente le abbiamo avuto e credo sia
un’occasione irripetibile”.
    “Convocherei subito le parti sociali e gli enti locali per
discutere subito dell’aumento dei prezzi dei materiali: – invita
il presidente della Regione E-R – ho appena dovuto fare
un’iniezione di 31 milioni di euro a proposito del terremoto per
cercare di completare i cantieri che sono aperti e che, a causa
dell’aumento dei prezzi, rischiano di fermarsi, così come come
nel Pnrr rischiamo non tanto di dover cambiarlo, rischiamo che
non partano i cantieri se le gare andranno deserte. Quindi credo
questa sia una grande emergenza – conclude Bonaccini – che tutti
insieme, nessuno escluso, dobbiamo provare a risolvere”. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte