Poliziotto ucciso a coltellate a Bruxelles, un altro ferito

Condividi l'articolo

 Un poliziotto è stato ucciso a coltellate a Bruxelles. Lo rende noto la procura della capitale. L’aggressione è avvenuta nel quartiere di Schaerbeek e avrebbe coinvolto anche un altro agente. Secondo media locali, citati dall’agenzia Belga, l’omicida avrebbe gridato ‘Allah Akbar’ (Dio è grande) prima di colpire. 

L’aggressione ha riguardato due poliziotti ed è avvenuto poco dopo le 19 a Rue d’Aerschot, nei pressi della Gare du Nord, una delle principali stazioni ferroviarie della capitale belga. L’aggressore è stato ‘neutralizzato’ dalla polizia. Diversi media riferiscono che l’uomo che ha attaccato i poliziotti ha gridato “Allah Akbar”, ma l’ufficio del procuratore non ha confermato né smentito la notizia. Secondo Le Soir, uno delle principali testate del Belgio, le autorità “stanno valutando anche la pista terroristica”. La polizia ha raccontato che “una delle nostre pattuglie è stata attaccata da un uomo armato di coltello. I due agenti di polizia hanno quindi chiamato i rinforzi. Un agente di un’altra pattuglia ha usato la sua arma da fuoco per neutralizzare l’aggressore”.

I due poliziotti feriti e l’aggressore sono stati trasportati in ospedale dove uno dei due agenti è deceduto. La portavoce della procura di Bruxelles ha spiegato che le indagini sono in corso e che ci potrebbero essere ulteriori aggiornamenti nella notte o domani mattina.
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte