Premio Bellisario, omaggio alle eroine della sanità

(ANSA) – ROMA, 13 OTT – “Il premio quest’anno assume
un’importanza maggiore perché non si vuole solo dare un
riconoscimento al talento e all’eccellenza femminile, ma anche
stringersi attorno, con un gesto d’affetto, a tutte le donne
impegnate nella sanità, vere eroine dell’emergenza”. Così Lella
Golfo, che ha istituito nel 1989 il Premio Bellisario, ha voluto
riassumere il significato di questa 32/a edizione nel corso
della conferenza stampa di presentazione a Viale Mazzini,
moderata da Laura Chimenti che condurrà anche l’evento.
    “Donne che fanno la differenza” è il titolo della
manifestazione che si terrà il 15 ottobre negli Studi Rai
Fabrizio Frizzi e andrà in onda su Rai1 il 17 ottobre in seconda
serata. “Abbiamo deciso di affiancare ai premi tradizionali, una
categoria speciale dedicata alle Donne della Sanità – ha
spiegato Lella Golfo – che con il loro coraggio e la loro
abnegazione hanno fatto sì che il Paese uscisse dall’emergenza,
sacrificando in alcuni casi la propria vita”.
    Il riconoscimento, a seguito della scelta della commissione
esaminatrice presieduta da Stefano Lucchini, va al “dream team”
di ricercatrici dell’Istituto Spallanzani, guidate dal direttore
generale Marta Branca, e composto da Maria Rosaria Capobianchi,
Francesca Colavita e Concetta Castilletti. Il premio, ispirato a
Marisa Bellisario, ancora oggi ricordata per essere stata la
prima top manager del nostro Paese, riconosce ogni anno il
merito di donne che si siano distinte in vari campi. A
consegnare le Mele d’Oro, tra gli interventi musicali di Tosca e
Roby Facchinetti, saranno personalità delle istituzioni,
dell’economia, della comunicazione e dello spettacolo. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte