Premio Wondy, vince Francesca Mannocchi

Mag 3, 2022

  • Condividi l'articolo

    ROMA – È Francesca Mannocchi con il romanzo ‘Bianco è il colore del danno’ (Einaudi Stile Libero), la vincitrice della quinta edizione del Premio Wondy di letteratura resiliente.
        Valentina D’Urbano, con il libro ‘Tre gocce d’acqua’ (Mondadori), è invece la vincitrice decretata dalla giuria popolare.
        “Bianco è il colore del danno è un potente racconto autobiografico, che si nega qualsiasi escursione nella fiction e centra in pieno il tema della resilienza. Mannocchi rinuncia a ogni sfumatura catartica e consolatoria, con un coraggio e una coerenza che a tratti toccano la crudeltà: verso se stessa e verso gli altri. Ne emerge un quadro energicamente demistificatore, in cui la storia personale di Francesca, giornalista coraggiosa, sempre pronta a recarsi nei luoghi più pericolosi del pianeta, diventa molto di più di un’autobiografia. Nonostante la sclerosi multipla, Francesca continua a fare quasi tutto quello che ha sempre fatto. Il racconto di sé chiama in causa, con spietata lucidità, le dinamiche familiari, e si fa scandaglio severo di padri e (soprattutto) madri. A ciglio asciuttissimo, Mannocchi si mette e ci mette in questione, senza tregua” spiega la motivazione della giuria tecnica presieduta da Umberto Ambrosoli e composta da Viola Ardone, Silvia Avallone, Silvia Ballestra, Jonathan Bazzi, Luca Dini, Chiara Fenoglio, Vittorio Lingiardi, Emanuele Nenna e Gianni Turchetta.
        Il vincitore è stato annunciato il 2 maggio al Teatro Manzoni di Milano, in una serata di festa tra parole e musica presentata da Ema Stokholma e Alessandra Tedesco, con la partecipazione di numerosi ospiti tra i quali Alessandra Amoroso, Mr. Rain, la pianista Yevheniya Lysohor, gli attori Camilla Filippi, Sara Lazzaro, Edoardo Leo, Claudio Santamaria e Margot Sikabonyi.
        Alla vincitrice va un premio di 5000 euro e un’opera su tela dell’artista Luca Tridente, inserita, insieme alle altre assegnate nelle prime edizioni del Premio Wondy, nel Catalogo dell’arte moderna (Editoriale Giorgio Mondadori), considerato un punto di riferimento per l’arte moderna e contemporanea. Un premio di 2000 euro è invece assegnato alla vincitrice della giuria popolare.
        Il Premio Wondy di letteratura resiliente è nato nel 2018 in memoria della giornalista e scrittrice Francesca Del Rosso (1974-2016), conosciuta con il soprannome Wondy e autrice del volume Wondy – ovvero come si diventa supereroi per guarire dal cancro (Rizzoli, 2014), nel quale ha raccontato con ironia e coraggio il suo modo di affrontare la malattia. 
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Cannes 2022: Cognetti, c’è del miracolo in tutto questo

    Cannes 2022: Cognetti, c’è del miracolo in tutto questo

    Si sente "molto fortunato" Paolo Cognetti perché ha "assistito alla realizzazione di questa opera da molto vicino, direi da amico. Faccio fatica a definire un ruolo, nemmeno è necessario". "Tutto è cominciato quando Felix e Charlotte sono arrivati a Brusson tre anni...

    Morto Bo Hopkins,volto di American Graffiti e Fuga di mezzanotte

    Morto Bo Hopkins,volto di American Graffiti e Fuga di mezzanotte

    E'  morto all'età di 80 anni. L'attore americano Bo Hopkins, che recitò in classici come 'American Graffiti', 'Fuga di mezzanotte' e 'Il mucchio selvaggio' è morto all'età di 80 anni.       Dallo sguardo feroce, Hopkins era diventato...