Pubblicato l’indice di sportività 2021: Rimini sale in 28esima posizione | Comune di Rimini

Set 27, 2021

  • Condividi l'articolo

    Un risultato che vede il territorio riminese in crescita rispetto all’anno precedente che vedeva Rimini nella graduatoria generale in 40esima posizione. Guardando ai capoluoghi di provincia dell’Emilia-Romagna, la graduatoria vede Bologna al 11° posto, Modena 21°, Rimini 28°, Ravenna 35°, Parma 41°, Ferrara 49°, Piacenza 50°, Forlì-Cesena 52°. 

    L’indice di sportività 2021, giunto alle 15esima edizione, è stato calcolato su 36 indicatori suddivisi in quattro categorie: struttura sportiva, sport individuali, sport di squadra e sport e società. Rimini si conferma ai vertici nella categoria “Sport e società”, dove si posiziona al secondo posto dietro Trieste. Guardando i singoli parametri, contribuiscono a consolidare il piazzamento il binomio sport-natura e turismo (2°),  imprese per lo sport (5°) e formazione per lo sport (5°). Sul fronte delle “strutture sportive”, il territorio conferma la sua “attrattività grandi eventi italiani e internazionali” (2°) e l’attivismo legato alla presenza di enti di promozione sportiva (9°). Importante il dato sul numero di atleti tesserati Coni, che vede Rimini in 16esima posizione, prima tra i capoluoghi romagnoli. Sul fronte degli sport individuali, Rimini si conferma terra di motori (1°), oltre che di “sport outdoor” (3°). Gli sport di squadra sono trainati dal movimento del nuoto (26°), del tennis (27°) e dalla presenza di società dilettantistiche (20°).  


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • L’addio di Merkel, ‘lascio in una fase preoccupante’

    L’addio di Merkel, ‘lascio in una fase preoccupante’

    (di Valentina Brini) BRUXELLES - Un addio in chiaroscuro. A brillare la sua immagine di bussola nella notte che per oltre tre lustri ha guidato il Continente, mentre le crepe tra gli Stati membri su stato di diritto, migrazione ed economia gettano un'ombra sul futuro...

    Manovra: Cgil, quota 102/104 inutile, solo 10mila uscite

    Manovra: Cgil, quota 102/104 inutile, solo 10mila uscite

    Quota 102 con 64 almeno di età e 104 nel 2023 con almeno 66 anni di età è una misura sostanzialmente "inutile" che porterebbe a poco più di 10mila uscite per la pensione. Lo afferma la Cgil in uno studio. La stima è ricavata proiettando nel prossimo biennio i dati...