Quando la madre di Biden gli disse, non ti inchinare alla regina

Condividi l'articolo

(ANSA) – WASHINGTON, 10 SET – La madre di Joe Biden odiava a
tal punto la monarchia britannica che prima dell’incontro di suo
figlio con la regina Elisabetta, nel 1982, lo pregò di “non
inchinarsi”. Lo rivela sceneggiatrice britannica Georgia
Pritchett nella sua autobiografia ‘My Mess is a Bit of a Life’.
    L’aneddoto è stato ricordato qualche anno fa anche dal
presidente americano che tuttavia non ha parlato del presunto
odio della madre verso i reali. “Joey, sii educato ma non
baciare il suo anello”, lo pregò Catherine Eugenia Finnegan
Biden, scomparsa nel 2010. E ancora: “Non ti inchinare. Ricorda
Joey, sei un Biden. Nessuno è migliore di te. Non sei migliore
di nessun, ma nessuno è migliore di te”. In effetti Biden non si
è mai inchinato a Elisabetta II, né durante il loro primo
incontro quando era un semplice senatore 40 anni fa né in
occasione del loro colloquio in Gran Bretagna a giugno dell’anno
scorso. Tuttavia, per il protocollo non è obbligatorio
inchinarsi, è solo un modo con cui di solito si rende omaggio a
un monarca.
    Secondo Pritchett, autrice tra l’altro della serie ‘Veep’, è
stato Biden a raccontarle dell’”odio” della madre per i reali in
una sua visita alla Casa Bianca quando le mostrò “centinaia” di
poesie scritte dalla madre nelle quali pregava dio che “inviasse
sugli inglesi una pioggia di sangue”. Quindi le rivelò che una
notte Jean preferì dormire sul pavimento piuttosto che nel letto
della regina in un albergo in Gran Bretagna.
    L’attaccamento di Biden alle sue radici irlandesi è noto.
    Subito dopo la nomina a candidato democratico alla Casa Bianca
fu avvicinato da una giornalista della Bbc per una battuta e lui
rispose, sorridendo: “Bbc? Io sono irlandese!” Jean è morta nel 2010 e dal 2002, dopo la scomparsa del
marito, aveva vissuto con il figlio. Al suo funerale Biden disse
che la madre aveva insegnato alla sua famiglia a “non essere mai
intimiditi dal potere, dalla ricchezza o dal rango di una
persona”. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte