Qui Pechino: Lavrov apprezza equilibrio Cina

Apr 30, 2022

  • Condividi l'articolo

    La Russia ringrazia “la Cina e gli altri partner BRICS per la posizione equilibrata sull’Ucraina”, malgrado le pressioni dei Paesi occidentali “guidati dagli Usa che affermano di essere i ‘padroni del destino dell’umanità'”, impegnati a promuovere “con la forza un modello di ordine mondiale incentrato sugli Stati Uniti”.
        Il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov, nella lunga intervista scritta diffusa dall’agenzia ufficiale cinese Xinhua solo nella versione in mandarino, rafforza “l’amicizia senza limiti” con la Cina usando un linguaggio vicino a quello della leadership di Pechino di dura critica degli assetti attuali internazionali a impronta occidentale e di sostegno a un nuovo ordine mondiale. Il capo della diplomazia di Mosca attacca frontalmente Usa e Paesi della Nato che “hanno pubblicamente espresso sostegno al regime di Kiev e stanno facendo tutto il possibile per impedire alla Russia di raggiungere un accordo politico per porre fine alle sue operazioni militari” per denazificare l’Ucraina.
        Lavrov denuncia “i soliti doppi standard e l’ipocrisia dei dirigenti occidentali” per il flusso costante di armi di ogni tipo all’Ucraina: “con il pretesto di combattere l’invasione, in realtà Usa e Ue intendono combattere fino all’ultimo ucraino contro la Russia, e sono completamente indifferenti al destino dell’Ucraina come soggetto indipendente”. Usa e alleati “non hanno nascosto il loro obiettivo di soffocare l’economia russa, indebolirne la competitività e ostacolare il continuo sviluppo della Russia”. Ci sarà una risposta “con cautela e in modo appropriato alle sanzioni. Ci concentreremo su de-dollarizzazione, sostituzione delle importazioni e rafforzamento dell’indipendenza tecnologica”.
        L”Occidente, è la teoria del ministro russo, “sta cercando di schiacciare i Paesi che perseguono l’indipendenza nella politica interna ed estera nel modo più brutale”, ma il tentativo è destinato a fallire. “Il mondo di oggi è multipolare e ha più centri decisionali. La nostra speciale operazione militare in Ucraina ha anche contribuito a liberare il mondo dall’oppressione neocoloniale dell’Occidente, che è indissolubilmente legata al razzismo e all’esclusione”.
        Per questo, sono necessarie nuove regole, “come ha sottolineato il presidente Xi Jinping al Forum Boao per l’Asia: sostenere il principio di indivisibilità della sicurezza, costruire un’architettura di sicurezza equilibrata, efficace e sostenibile e opporsi a basare la sicurezza nazionale sull’insicurezza di altri Paesi”.
        Lavrov cita “un’agenzia di garanti che dovrebbe includere membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, comprese Russia e Cina” per vigilare sul rispetto di un accordo di pace con l’Ucraina, possibile “solo se il regime di Kiev seguirà gli interessi del popolo ucraino e non i consulenti a distanza” e che non potrà ignorare il nodo sanzioni.


    Fonte originale: Leggi ora la fonte