‘Quo vadis rider’, libro sulla lotta sindacale dei fattorini

Mag 9, 2022

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – ROMA, 09 MAG – MARIA MATILDE BIDETTI, CARLO DE
    MARCHIS GÓMEZ E SERGIO VACIRCA, ‘QUO VADIS RIDER. LA LOTTA UMANA
    E SINDACALE DEI CICLOFATTORINI’ (FUTURA EDITRICE, PP. 233, 18,00
    EURO)
    Dalla lotta umana a quella sindacale, ‘Quo vadis rider’ è il
    libro inchiesta dedicato ai rider e alle loro battaglie per la
    dignità. Nato quasi per caso per raccontare la fortunata
    esperienza di politica giudiziaria portata avanti dalle tre
    categorie della Cgil impegnate da sempre a fianco dei rider
    nella loro lotta – si legge nel libro con prefazione scritta
    dalla segretaria confederale della Cgil Tania Scacchetti e
    introduzione a cura di Filippo Ceccarelli – ‘Quo vadis Rider’,
    racconta gli episodi di cronaca giudiziaria, l’impatto delle
    iniziative del sindacato sulla comprensione della gig economy,
    il servizio pubblico svolto durante i mesi della pandemia e i
    problemi quotidiani che i lavoratori incontrano nella vita
    quotidiana. Fra sentenze e contratti, orizzonti mediatici e
    testimonianze in carne e ossa, il libro ha tra gli obiettivi
    quello di suscitare una presa di coscienza, individuale e
    collettiva, su cosa è diventato e rischia di diventare il lavoro
    dei ciclofattorini. Così come dimostra e sintetizza l’inserto
    fotografico di Luciano Del Castillo sulle condizioni lavorative
    dei rider: prima corridori infaticabili, in bici o in
    monopattino, dopo persone esauste, sedute o distese su panchine
    o gradini di fortuna. “Molta strada è stata percorsa dai
    rider dal momento in cui è nata l’idea di questo libro. Molta
    ancora dovrà essere percorsa – si legge tra le pagine – prima
    di dare piena dignità a questi lavoratori che rappresentano
    l’avanguardia di nuovi modelli nati dal capitalismo digitale”.
        (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Cannes 2022: Cognetti, c’è del miracolo in tutto questo

    Cannes 2022: Cognetti, c’è del miracolo in tutto questo

    Si sente "molto fortunato" Paolo Cognetti perché ha "assistito alla realizzazione di questa opera da molto vicino, direi da amico. Faccio fatica a definire un ruolo, nemmeno è necessario". "Tutto è cominciato quando Felix e Charlotte sono arrivati a Brusson tre anni...

    Morto Bo Hopkins,volto di American Graffiti e Fuga di mezzanotte

    Morto Bo Hopkins,volto di American Graffiti e Fuga di mezzanotte

    E'  morto all'età di 80 anni. L'attore americano Bo Hopkins, che recitò in classici come 'American Graffiti', 'Fuga di mezzanotte' e 'Il mucchio selvaggio' è morto all'età di 80 anni.       Dallo sguardo feroce, Hopkins era diventato...