• Rapine violente a Palermo, tre arresti

    Condividi l'articolo

    (ANSA) – PALERMO, 03 DIC – La Polizia di Stato ha fatto luce
    su tre rapine violente commesse a Palermo ai danni di un
    distributore di carburante e di due supermercati, utilizzando
    auto rubate poi date alle fiamme e una pistola a salve. In tre
    seminavano il panico sia per le modalità degli assalti durante i
    quali puntavano l’arma che riproduce perfettamente una pistola
    vera, alla tempia delle vittime, sia con gli incendi delle auto
    rubate e usate per le rapine. In un caso l’auto data alle fiamme
    ha rischiato di coinvolgere uno stabile nel rogo. La facciata è
    stata annerita prima che i pompieri potessero spegnere le
    fiamme.
        Il gip Clelia Maltese ha disposto il carcere per Gianluca
    Cintura, 25 anni, e Vincenzo Filippone, di 22 anni, e i
    domiciliari per un terzo indagato, Gaspare Emanuele Ribaudo, di
    appena 19 anni. Gli episodi contestati risalgono al 18 gennaio,
    23 e 26 agosto.
        La banda utilizzava sempre lo stesso modus operandi: dopo
    aver rubato un’autovettura, una Fiat Panda per tutti e tre gli
    episodi, usando una pistola a salve priva di tappo rosso, faceva
    irruzione in un esercizio commerciale scarrellando con la
    pistola come per inserire il colpo in canna, e seminando il
    panico tra i clienti, puntando l’arma alla tempia dei cassieri
    per farsi consegnare l’incasso. Subito dopo il colpo, I tre
    abbandonavano l’auto rubata utilizzata per compiere la rapina,
    avvolta dalle fiamme in strada. In uno degli episodi – quello
    risalente allo scorso gennaio presso il distributore di
    carburanti Eni “Torre Bonagia” la prontezza nella fuga dei
    dipendenti ha lasciato la banda di soppiatto, tanto da essere
    costretta a fuggire senza bottino. Per gli altri due episodi nel
    giro di 3 giorni, dal 23 al 26 agosto, sono stati presi di mira
    due Ard discount: quello di via Placido Rizzotto e quello di via
    Gaetano Mosca. Il bottino è stato di 500 euro nel primo e 1.500
    nel secondo caso. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte