• Regina: video Trudeau mentre canta a vigilia funerali,è polemica

    Condividi l'articolo

    (ANSA) – ROMA, 20 SET – E’ polemica su Justin Trudeau dopo un
    video diffuso sui social che mostra il premier canadese mentre
    canta accanto a un pianoforte in un hotel di Londra, due giorni
    prima del funerale della regina. Lo scrive la Bbc online.
        Nel video, il premier è ripreso in abiti casual all’hotel
    Corinthia, dove alloggiava la delegazione canadese che ha preso
    parte ai funerali di Elisabetta II, mentre canta Bohemian
    Rhapsody dei Queen. Al pianoforte Gregory Charles, musicista del
    Quebec insignito dell’Ordine del Canada. Elisabetta II era il
    capo di Stato del Canada e Trudeau ha decretato il 19 settembre
    giornata di lutto nazionale nel Paese. Per la sua esibizione, il
    premier è stato accusato di mancanza di rispetto da alcuni
    commentatori canadesi e dall’opinione pubblica.
        “Imbarazzante non è neanche lontanamente sufficiente”, ha
    scritto Andrew Coyne, editorialista del Globe and Mail, su
    Twitter. “È il primo ministro, in un luogo pubblico, alla
    vigilia dei funerali della regina. Ed è così che si comporta?”,
    aggiunge.
        Vivian Bercovici, ex ambasciatrice canadese in Israele, ha
    dichiarato: “È il nostro capo di Stato che rappresenta il Canada
    in una settimana di lutto per la regina. Non è una cosa
    personale nei suoi confronti, ma Justin dovrebbe crescere”.
        Secondo altri invece, la vicenda è stata ingigantita. “Sta…
        cantando. Di tutte le cose imbarazzanti che Justin Trudeau ha
    detto e fatto, questa non è al primo posto”, scrive Emmett
    Macfarlane, professore associato di scienze politiche
    all’Università di Waterloo, in Ontario.
        “Dopo la cena di sabato, il primo ministro si è unito a un
    gruppo della delegazione canadese che ha voluto rendere omaggio
    alla vita e al servizio di sua maestà”, è stata la replica del
    portavoce di Trudeau. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte