Regione. La sicurezza in Riviera non sarebbe fuori controllo ma intanto la Regione chiede aiuto e scrive al ministro Lamorgese

Giu 8, 2021

  • Condividi l'articolo

    La Regione chiama il Governo sulla sicurezza in riviera. Con una nota trasmessa al Viminale, viale Aldo Modo chiede l’aiuto dell’esecutivo per fronteggiare la situazione che si sta verificando nel post-Covid non solo nei capoluoghi anche nei piccoli Comuni romagnoli. “Non crediamo che la situazione sia complessivamente fuori controllo, quindi non possiamo dare una rappresentazione di una riviera romagnola come luogo di insicurezza diffusa e collettiva“, precisa il sottosegretario alla presidenza della Regione Davide Baruffi. Ma “è altrettanto vero che gli elementi di attenzione devono essere più forti in questa fase“, sottolinea Baruffi, interpellato al question time dal dem Gianni Bessi. Di qui la “sollecitazione” nei confronti del Governo Draghi e in particolare della titolare dell’Interno Luciana Lamorgese. “Abbiamo già trasmesso una nota al ministero dell’Interno per segnalare queste criticità”, informa Baruffi. Una situazione simile in riviera si era verificata anche l’anno passato, precisa ancora il sottosegretario, “ma quest’anno c’è un elemento in più. Stiamo assistendo di fenomeno di assembramenti che più che dal punto di vista del Covid destano preoccupazione dal punto di vista dei comportamenti collettivi. La situazione va tenuta sotto controllo e riteniamo fondamentale una presenza capillare anche nei Comuni non capoluogo“.