Regione. Un nuovo progetto per sostituire gradualmente la plastica nei vigneti

Mag 21, 2021

  • Condividi l'articolo

    Un nuovo progetto per sostituire gradualmente la plastica nei vigneti

    Si chiama “Vivi Plastic Free” l’iniziativa di Irecoop Emilia Romagna dedicata alla filiera vitivinicola per promuovere processi produttivi più eco-sostenibili

    Un nuovo progetto per sostituire gradualmente la plastica nei vigneti e nelle cantine dell’Emilia Romagna. Si chiama “Vivi Plastic Free” l’iniziativa curata da Irecoop dedicata alla filiera vitivinicola per promuovere processi produttivi più eco-sostenibili e rispettosi del pianeta.

    Il progetto, realizzato nell’ambito del Bando regionale del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020, ha come obiettivo l’impiego di alcuni sottoprodotti della filiera vitivinicola come materia prima (Biofiller) per realizzare legacci per il vigneto e tappi eco-compatibili sostitutivi dei prodotti convenzionali in plastica. L’obiettivo è ridurre il più possibile l’utilizzo della plastica, sia in vigneto che in cantina, sostituendola appunto con materiali organici sempre più naturali, in un’ottica di economia circolare.

    Capofila del progetto è la Società Cooperativa C.R.P.V. e il gruppo operativo per l’Innovazione comprende l’Università di Modena e Reggio Emilia, le strutture Caviro, Terre Cevico, Cantine Riunite & CIV, diverse aziende agricole, Alimos e la Cooperativa Sociale il Ventaglio di ORAV. La formazione è curata da Irecoop. 

    “Irecoop sostiene da sempre l’agricoltura eco-sostenibile e l’economia circolare – spiega il presidente dell’ente di formazione Andrea Rossi – questo corso contribuisce a promuovere modelli produttivi più biologici e a ridurre la plastica in uno dei comparti più indentitari della nostra regione, quello dei vitigni. Sono i piccoli gesti a fare la differenza e dunque questo corso rappresenta non solo le nostre competenze formative, ma anche una parte centrale dei nostro valori”.