A Gradara un weekend di fine luglio tra musica e storia

Lug 28, 2022

Condividi l'articolo
 A GRADARA, UN FINE SETTIMANA TRA MUSICA E STORIA

 

SABATO 30 LUGLIO, “CASTELLO IN MUSICA” CON L’“ORCHESTRA DI FIATI” DI GRADARA E DOMENICA 31 LUGLIO, DI SCENA L’OTTAVO APPUNTAMENTO DEL FESTIVAL DI MUSICA ANTICA “MUSICAE AMOENI LOCI”

 

 

Gradara, 28/7/2022  – A Gradara sarà un weekend di fine luglio caratterizzato da musica e storia.

 

CASTELLO IN MUSICA

Si parte sabato 30 luglio, alle 21.15, nella Piazza d’Armi, con “Castello in Musica”, il concerto dell’“Orchestra di Fiati” di Gradara, che eseguirà musica jazz, funcky, pop, evergreen nazionali ed internazionali. Dirige il maestro Luca Di Stefano.

Ingresso libero.

 

MUSICAE AMOENI LOCI

Domenica 31 luglio, alle 21.15, invece, nel Cortile d’Onore, si svolgerà l’ottavo appuntamento del festival di musica antica “Musicae Amoeni loci”. Dopo lo spettacolare racconto musicale della vita di Lavinia Feltria della Rovere, figlia del Duca Guidobaldo e amica di Torquato Tasso, a Gradara la scena è riservata ad un’altra nobildonna erudita: Costanza da Varano.

Nata a Camerino nel 1424, viene data in sposa a Alessandro Sforza di Pesaro, sanguinoso condottiero che, insieme al fratello Francesco, nel 1446 cercò di espugnare il Castello di Gradara nonostante due anni prima erano stati ospiti per un banchetto proprio nel Cortile d’Onore. 

Durante questo spettacolo la vita di Costanza e i suoi intimi pensieri verranno raccontate attraverso le parole di Laura Corraducci. Le musiche “amorose e guerriere” sono affidate all’“Alta Cappella Nova Alta” di Gubbio, i cori “San Giuseppe” di Gradara e “Jubilate” di Candelara, Pesaro e dirette dal Maestro Willem Peerik.

Ingresso libero.

 

Ufficio Stampa Gradara Innova

0541/964673;

www.gradara.org;

ufficiostampa.gradara@gradarainnova.com

 

 

 

 

 

 

immagine_evidenzaimmagine_evidenza

  • La lezione della Meloni a Letta sui migranti 

    La lezione della Meloni a Letta sui migranti 

    I migranti che attraversano il Mediterraneo come gli italiani morti a Marcinelle. Entrambi "soldati di una guerra per la sopravvivenza". L'accostamento effettuato da Enrico Letta era apparso sin da subito azzardato, oltremodo retorico, fuori contesto. Nell'annunciare...