RICCIONE. MOVIDA SICURA: LUNGOMARE E CENTRO CITTÀ PASSATI AL SETACCIO. ARRESTI E DENUNCE

Mag 23, 2022

  • Condividi l'articolo

    Nuovo weekend di controlli intensi effettuati dai Carabinieri della Compagnia di Riccione, impegnati su tutto il territorio in un servizio straordinario di controllo finalizzato al contrasto dei fenomeni di microcriminalità.

    Questa volta, teatro dell’attività di prevenzione sono state le vie del centro della Perla ed il lungomare con i relativi locali, ma anche il centro di Cattolica: numerosissimi i gruppi di adolescenti sottoposti a controllo ed identificazione.

    Tra la zona Alba e il Piazzale Roma di Riccione sono stati controllati circa 50 adolescenti tra i più “euforici” così come molte sono state le chiamate pervenute al numero di emergenza 112 per segnalare la presenza di giovani sospetti.

    Inoltre, anche sulla spiaggia sono iniziate le prime pattuglie a bordo del mezzo speciale Jeep Wrangler, concluse solo nella mattinata con l’allontanamento da sdraio e lettini di alcuni soggetti che hanno deciso di trascorrere la notte all’aria aperta.

    A Cattolica, i militari della Tenenza e della Sezione Radiomobile di Riccione, intorno alle ore 04:00, hanno tratto in arresto per resistenza a P.U. un giovane soggetto di origine marocchina residente nel pesarese, ritenuto anche responsabile dello sfondamento della vetrata di un minimarket e del furto di alcolici, effettuato poco prima dell’arrivo dell’Arma. Il giovane, una volta bloccato dai militari, ha cercato più volte di svincolarsi anche colpendo gli stessi carabinieri, per fortuna rimasti illesi. Quindi è stato trattenuto presso le camere di sicurezza della Compagnia in attesa della celebrazione del rito direttissimo previsto per la mattinata di Lunedì.

    A comparire nella stesa mattinata davanti al Giudice del Tribunale di Rimini sarà anche un pregiudicato albanese, sorpreso nel pomeriggio di ieri dai Carabinieri della Stazione di Montefiore Conca mentre, lungo quella strada provinciale, cedeva ad un assuntore una dose di cocaina. Entrambi sono stati immediatamente bloccati dalla pattuglia e perquisiti. Successivamente, l’assuntore è stato segnalato al Prefetto di Rimini mentre i carabinieri hanno raggiunto l’abitazione dell’indagato, all’interno della quale, al termine di una accurata perquisizione, hanno recuperato e sequestrato 23 gr di cocaina suddivisa in dosi, oltre alla somma di 1000 euro circa, in banconote di piccolo taglio.

    L’uomo, su disposizione del PM di turno, è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

    L’attività di controllo è quindi proseguita anche sulle principali arterie di collegamento della giurisdizione della Compagnia: I carabinieri di Montescudo – Montecolombo hanno deferito un soggetto alla guida della propria autovettura, sprovvisto della patente di guida poiché già revocata. Altri quattro utenti della strada, invece, sono stati denunciati dai carabinieri della Sezione Radiomobile poiché, a seguito della prova dell’alcool test, sono risultati positivi e pertanto è stata loro applicata anche la sanzione accessoria del ritiro immediato della patente.

  • Il vescovo ausiliare di Roma: ‘Rischiamo la giungla urbana’

    Il vescovo ausiliare di Roma: ‘Rischiamo la giungla urbana’

    Roma rischia di diventare "una giungla urbana".Lo dice mons. Benoni Ambarus, vescovo ausiliare della città parlando del degrado urbano che richiederebbe da parte delle istituzioni "uno scatto di dignità a fare delle scelte che sappiano di futuro, non di tornata...