• ‘Ricordo solo tanto sangue’, fermato il killer di Roma

    Condividi l'articolo

    (ANSA) – ROMA, 19 NOV – Di quella tragica mattina ricorda
    solo “tanto sangue”. Nega di essere stato in via Durazzo ma
    conferma di essere stato a “casa delle cinesi” e di avere “tamponato la ferita di una delle giovani”. Poi il blackout e
    due giorni trascorsi “a vagare senza mangiare e dormire, con i
    vestiti ancora sporchi di sangue”.
        In sette ore di drammatico confronto con gli inquirenti,
    Giandavide De Pau, romano di 51 anni fermato per il triplice
    omicidio di Roma dove ad essere uccise sono state tre prostitute
    nel quartiere Prati, ha fornito la sua versione su quanto
    avvenuto.
        E’ durata meno di 48 ore la “fuga” dell’uomo che secondo i pm
    della Procura di Roma ha massacrato con uno stiletto le tre
    vittime. A lui le forze dell’ordine sono arrivate grazie ad
    alcune testimonianza e ad una telefonata fatta dalla sorella che
    lo aveva sentito in un breve colloquio forse proprio dal
    telefono di uno dei testimoni poi risultati determinati alla sua
    individuazione. L’uomo farfugliava, lasciando intuire di avere
    commesso qualcosa di molto grave. A quel punto la donna,
    sapendo che De Pau era solito frequentare prostitute e forse
    temendo anche per lui ha allertato gli inquirenti.
        Gli agenti lo hanno prelevato questa mattina intorno alle sei
    nella casa della madre nel quartiere Ottavia. Lì il
    trasferimento negli uffici di San Vitale per essere ascoltato.
        Un atto istruttorio complesso e durante il quale De Pau ha
    faticosamente cercato di fornire una sua ricostruzione dei
    fatti. “Sono arrivato in quella casa in auto dopo avere
    trascorso la sera prima con una ragazza cubana consumando droga
    – ha detto agli inquirenti spesso interrompendosi per le lacrime
    -. Ricordo di essere stato in quella casa di via Riboty, ho
    tamponato la ferita alla ragazza. Era la prima volta che andavo
    in quell’appartamento con le cinesi dopo un appuntamento preso
    per telefono”, ha aggiunto. Gli investigatori, nel corso
    dell’interrogatorio, gli avrebbero contestato di avere in mano
    fotogrammi di lui nei pressi di via Durazzo dove è stata uccisa
    la Martha Castano, prostituta 65enne. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte