Rimini. A Rimini fiera Marco Bruno concede il bis nel compound, titolo femminile a Paola Natale. Realizzati anche due record mondiali. Sabato tocca alla divisione arco olimpico per le frecce di qualifica

 

A RIMINI FIERA MARCO BRUNO CONCEDE IL BIS NEL COMPOUND,
TITOLO FEMMINILE A PAOLA NATALE. REALIZZATI ANCHE DUE RECORD MONDIALI.
SABATO TOCCA ALLA DIVISIONE ARCO OLIMPICO PER LE FRECCE DI QUALIFICA

 

Ancora gare mozzafiato, risolte all’ultima freccia, e risultati tecnici di livello assoluto anche nella seconda giornata della 48esima edizione dei Campionati Italiani indoor di tiro con l’arco, in svolgimento fino a domenica 14 marzo alla Fiera di Rimini.

Il venerdì di gare era dedicato alla divisione Compound e dopo i match uno contro uno ha visto la conferma tricolore per Marco Bruno (Arcieri di Volpiano), mentre il titolo femminile assoluto è stato conquistato per la prima volta da Paola Natale (Compagnia Arcieri Cormons)

Le prestazioni di giornata sono valse anche dei record internazionali: al termine delle 60 frecce di ranking round i 583 punti realizzati da Maria Andrea Virgilio (Dyamond Archery Palermo) le valgono il titolo di classe senior e anche il nuovo record mondiale ed europeo para-archery: l’atleta trapanese, che lo scorso fine settimana ha conquistato il tricolore assoluto indoor paralimpico, supera di 1 punto il precedente primato realizzato dalla brasiliana Jane Karla Gogel e di 8 il record europeo che era della britannica Pine Phoebe.
Anche il finalista per il titolo assoluto Carlo Bernardini può festeggiare un primato: l’atleta capitolino, classe ’69, ha infatti messo a segno 150 punti sulle 15 frecce agli ottavi di finale contro Antonio Pompeo, punteggio che gli vale il nuovo record mondiale master, superando il 149 realizzato nel 2015 dal belga Luc Verdeyen.

BIS TRICOLORE PER MARCO BRUNO – A guadagnarsi la finalissima nel maschile sono i due arcieri che hanno ottenuto il maggior numero di 10 durante le eliminatorie. A giocarsi lo scontro finale sono il campione uscente Marco Bruno (Arcieri di Volpiano) e Carlo Bernardini (Arco Sport Roma). Il primo ha superato agli ottavi Roberto Carosati 148-143, ai quarti Andrea Falcinelli 149-148 e in semifinale Antonio Alessi 150-146. Bernardini, dopo aver superato Pompeo 150-143 col record mondiale al primo turno, ha battuto ai quarti Leonardo Costantino 149-148 e in semifinale Elia Fragnan 147-146. La finale per l’oro è stata giocata colpo su colpo e risolta all’ultima freccia, con la vittoria conclusiva del torinese per 148-147, che gli vale il secondo titolo consecutivo. “Sono contento, è il secondo anno di fila che ottengo grandi risultati agli Indoor, dato che non ho avuto possibilità di confrontarmi nell’outdoor e nel campagna per via del lungo stop per il Covid – il commento a caldo di Bruno –. Sinceramente non me lo aspettavo: lo sport dimostra però che la speranza è sempre l’ultima a morire. La freccia più difficile in finale? E’ sempre l’ultima, quella che pesa più di tutte. E poi sapevo che il mio avversario aveva appena stabilito il record mondiale Master con 150 punti, cosa che mi ha messo un po’ di pressione, però alla fine l’ho spuntata io. Una dedica? A mia madre, che purtroppo non c’è più“.

La finale per il bronzo si è invece risolta dopo la freccia di spareggio premiando Antonio Alessi (Arcieri Europaverde): il match con Elia Fregnan (Arcieri del Torrazzo) finisce 144-144 dopo le 5 volée, ma Alessi centra perfettamente il 10 con lo shoot-off, avendo la meglio sul 10 di riga di Fregnan.

PRIMO TITOLO ITALIANO PER PAOLA NATALE – L’oro assoluto femminile arriva invece per la prima volta al collo di Paola Natale (Arcieri Cormons). L’atleta cremasca, passata senior da questa stagione, riesce a superare all’ultima freccia la junior Elisa Bazzichetto (Arcieri del Torresin), con la quale ha condiviso diverse trasferte con la Nazionale giovanile. La sfida, molto equilibrata, si chiude 145-145 in favore della Natale, che aveva raggiunto la finalissima dopo aver superato agli ottavi Maria Andrea Virgilio allo spareggio 143-143 (10-9), ai quarti Irene Franchini 143-142 e in semifinale Sara Ret 146-144.
Queste le sue parole al termine della sfida decisiva: “Un’emozione grandissima aver vinto questo campionato, perché è la mia prima volta da senior: ci ho messo tanto impegno però ne è valsa la pena“.
Per Elisa Bazzichetto, arrivata a giocarsi il primo gradino del podio dopo aver superato nell’ordine Anna Rocca per 146-144, Giorgia Maffiuletti (146-143) e in semifinale contro Marcella Tonioli (149-147), ci sarà la possibilità di rifarsi visto che, proprio con la Tonioli e ad Elisa Roner partirà la prossima settimana per disputare la sua prima competizione internazionale con la Nazionale senior: sarà titolare ai Grand Prix Europeo di Porec (Cro).
Nonostante tutto, la giovane atleta di Oderzo dimostra tutto il suo fair play dopo la sconfitta: “Mi spiace aver perso la finale, ma sono contenta per Paola, perché è una mia grande amica“.
La finale per il bronzo ha invece premiato allo spareggio Marcella Tonioli (Arcieri Montalcino) che ha superato Sara Ret (Arcieri Cormons) 144-144 (10*-10).

 

I TITOLI DI CLASSE – Dopo le 60 frecce di ranking round sono stati assegnati i titoli di classe che hanno visto tra i senior la vittoria pari merito per Marco Bruno (Arcieri di Volpiano) ed Elia Fregnan (Arcieri del Torrazzo) con 592 punti, seguiti al terzo posto da Antonio Alessi (Europaverde) con 589. Tra le donne, la campionessa italiana paralimpica Maria Andrea Virgilio (Dyamond Archery Palermo) conclude la primo posto con 583 punti che le valgono il primato mondiale ed europeo para-archery. Argento pari merito per Eleonora Grilli (Arcieri del Roccolo) e Marcella Tonioli (Arcieri Montalcino) con 578 punti.
Tra i master in cima alla classifica Carlo Bernardini (Arco Sport Roma) con 589, secondo Fabio Zaetta (Arco Club Bolzano Vicentino) con 579 e terzo Luigi Porta (Arcieri del Roccolo) con 578. Nel femminile Cinzia Ferrari (Arco Soprt Roma) oro con 574 punti, Amalia Stucchi (Arcieri di Malapaga) argento con 566 e Nicolina Iacovoni (Arcieri Sagittario) con 564.
Tra gli junior si aggiudica il titolo di classe maschile Leonardo Costantino (Arcieri delle Alpi) con 587, seguito da Flavio Caoduro (Arcieri delle Torri) e Leonardo Covre (Decumanus Maximus), entrambi al secondo posto con 584. Nel femminile vince Elisa Bazzichetto (Arcieri del Torresin) con 584, davanti alla compagna di squadra Andrea Nicole Moccia (Arcieri del Torresin) con 581 e a Giorgia Maffiuletti (Arcieri di Malpaga) con 574.
Tra gli Allievi ottiene l’oro Andrea Marchetti (Arcieri di Rotaio) con 582, seguito da Nicolò Cantelmo (Arcieri Irpini) con 573 e da Rosario Sidoti (PAMA Archery Milazzo) con 571. Nel femminile vince Martina Serafini (Arco Club Tolmezzo) con 567, argento Martina Del Duca (Arcieri Torres Sassari) con 566 e bronzo Giulia Di Nardo (Arcieri delle Alpi) con 560.
Tra i Ragazzi ottiene il primo posto Tommaso Seno (Arcieri e Balestrieri di Spinea) con 529, secondo Andrea Fenoglio Gaddò (Arcieri degli Orsi) con 517. Nella classifica Ragazzi femminile vince Caterina Moroldo (Arco Club Tolmezzo) con 563, seguita da Caterina Gallo (Arcieri e Balestrieri di Spinea) con 505.

.
PROGRAMMA DI GARA – Sabato 13 marzo scenderanno in campo gli atleti dell’arco olimpico per le 60 frecce di qualifica: al mattino le categorie giovanili e nel pomeriggio i senior e master. Domenica 14 marzo si chiuderà la competizione con le eliminatorie e le finali per i tricolori assoluti.

Tutte le gare verranno trasmesse in diretta da YouArco sul canale Youtube della Federazione, oltre che sui profili ufficiali della FITARCO di Facebook e Twitch.