Rimini. Atti persecutori nei confronti della moglie: assolto perché il fatto non sussiste

Apr 22, 2021

  • Condividi l'articolo

    Il Gup del tribunale di Rimini ha assolto con rito abbreviato “perché il fatto non sussiste” un 53enne denunciato dall’ex moglie da cui è separato dal 2014, per atti persecutori. Quattro gli episodi di cui la donna aveva detto di essere rimasta vittima fra cui maltrattamenti e pedinamenti suoi e dei figli, da casa fino alla fermata del bus che i ragazzi dovevano prendere per andare a scuola o sulla strada per andare al lavoro. Un castello accusatorio tuttavia fatto franare da tutte le pezze giustificative fornite dall’uomo.